GP Catalunya, i piloti bocciano la pista: si torna al layout della F1

MotoGp

Le modifiche apportate al circuito del Montmeló sono state giudicate insicure. I piloti ottengono una modifica dopo una richiesta (quasi) all'unanimità

RIVIVI LE EMOZIONI DELLA GARA

LE CLASSIFICHE

IL CALENDARIO

Dal terzo turno di prove il motomondiale al Montmeló di Barcellona si è tornati al disegno della pista del 2016. I piloti riuniti in Safety Commission hanno chiesto (quasi) all'unanimità di non utilizzare la nuova variante che era stata messa a punto e realizzata nei mesi scorsi proprio per le moto.

L'obiettivo della variante molto lenta era quello di limitare i danni in caso di caduta disponendo di una via di fuga proporzionata alla velocità. Ma secondo i piloti della Motogp, che sul nuovo tratto hanno girato nelle FP1 e nelle FP2, la velocità è troppo bassa, le giunture del nuovo asfalto sono troppo pronunciate e soprattutto le inclinazioni dell'asfalto non sono adatte a garantire la sicurezza. Anzi. I casi delle cadute di Bautista e di Baz avrebbero dimostrato che scomponendosi sulle giunture e cadendo per la pendenza della pista a bassissima velocità le moto rimangono sull'asfalto in traiettoria, costituendo un pericolo per chi segue.

Dopo la riunione dei piloti, la società catalana che gestisce l'Autodromo Montmeló si è detta disponibile a lavorare nel corso della notte per effettuare le operazioni di sbancamento della ghiaia, di verniciatura dei margini e di adattamento dei cordoli per consentire alle prove del sabato di svolgersi regolarmente.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport