MotoGP, è battaglia fra Italia e Spagna

MotoGp

Guido Sassi

Valentino Rossi davanti a Marc Marzquez (Getty)

MotoGP, Moto2 e Moto3 segnalano un dominio praticamente incontrastato fra Italia e Spagna, che si spartiscono tutti i successi con i loro piloti

RIVIVI LE EMOZIONI DEL VENERDI' DI LIBERE

GP D'OLANDA, LA PROGRAMMAZIONE COMPLETA

Mai come quest'anno il motomondiale è una questione Italia-Spagna: a partire dalla MotoGP, con cinque successi iberici e due italiani, il duello è ben marcato. Scendendo di categoria il discorso non cambia: in Moto2 le vittorie sono sempre cinque, ma per i nostri piloti, contro le due di Alex Marquez. Infine la Moto3, dove nuovamente è la Spagna ad avere vinto cinque gare, con Migno e Fenati che hanno portato a casa due primi posti per l'Italia. Insomma, agli altri non si è lasciato nemmeno un successo, e le briciole di 14 podi su 63.

Dominio di catalani e romagnoli

A volere scendere nel dettaglio poi si scopre che catalani e romagnoli la fanno da padroni. Le uniche eccezioni a questo dominio sono rappresentate dal maiorchino Mir e da Canet, da Romano Fenati e Franco Morbidelli, con quest'ultimo che però ha vissuto la svolta positiva della propria carriera proprio nel momento in cui si è trasferito alla VR46. Tavullia non è Romagna ma tocca il confine e poco ci manca.

Futuro indirizzato

Se oggi il mondiale è fortemente polarizzato, anche per il futuro le cose sembrano profilarsi nel segno della continuità. In rampa di lancio ci sono Martin, Di Giannantonio e Bulega, a sgomitare per festeggiare anche loro per la prima volta dal gradino più alto di quel podio che vede spagnoli e italiani dominatori: una regola con pochissime eccezioni.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche