MotoGP, Aprilia guarda al futuro: ecco il casco rivoluzionario in 3D

MotoGp

La casa italiana dal prossimo anno introdurrà un casco in grado di fornire simultaneamente informazioni ai tecnici in formato 3D. Un sistema già adottato nel campo aeronautico e che sarà una novità assoluta nel mondo del Motorsport. Per tutti i clienti Sky HD con Sky Sport, il GP è disponibile in Super HD su Sky Sport 1 HD per una visione oltre l'alta definizione, con colori più vividi e dettagli più fedeli 

SEGUI IL SABATO DI MISANO LIVE

TUTTI I TEMPI LE CLASSIFICHE

LA PROGRAMMAZIONE

L’Aprilia apre una porta verso il futuro, in occasione del weekend di Misano ha presentato un casco super tecnologico che sarà d’ausilio a meccanici e ingegneri. La novità verrà ufficialmente introdotta partire dalla stagione 2018.
Un prototipo per ridurre drasticamente gli errori durante il weekend, permettendo ai tecnici di avere una visione d’insieme in formato 3D e acquisire simultaneamente informazioni attraverso il visore. Non un semplice casco, come spiega dettagliatamente Paolo Bonora, ingegnere elettronico capo di Aprilia.

“Una delle necessità dei meccanici è quella di conoscere il chilometraggio delle varie componenti della moto, in questo modo potranno saperlo in tempo reale guardando la parte che li interessa. I tecnici potranno anche consultare la telemetria della moto e navigare nei vari menù attraverso il movimento degli occhi. Inoltre, stiamo implementando la comunicazione fra i caschi e l’acquisizione dati".
La nuova frontiera tecnologica sbarca in MotoGP e il progetto procede spedito verso la sua realizzazione in sinergia con Realmore e Daqri, sviluppatori del software e del casco. Sarebbe una novità assoluta nel mondo del Motorsport ma che ha già trovato campo fertile nel settore aeronautico.

Il casco – prosegue Bonora - integra anche una telecamera termica che permette con uno sguardo di capire le temperature dei vari liquidi. È molto utile per individuare con un colpo d’occhio i vari problemi”.
Aprilia viaggia spedita verso la realtà aumentata nei box, si lavora per ridurre al minimo gli errori dei tecnici e introdurre il nuovo casco a partire dalla stagione 2018.

I più letti