GP Aragon, Dovizioso è pronto: "Abbiamo le carte per giocarcela"

MotoGp
Dovi_getty

Dovizioso avverte le Honda: "Sarà dura batterla ma mi sento bene, proveremo fin dall'inizio a lottare per la vittoria". Segui il GP di Aragon su Sky Sport MotoGP HD (canale 208) e su skysport.it con il Live-blog

CLICCA QUI PER SEGUIRE LE LIBERE LIVE

TUTTE LE PAROLE DI ROSSI AD ARAGON

IL PROGRAMMA DI ARAGON

LE CLASSIFICHE

Il favorito, con il record di tre vittorie in sette anni, ad Aragon è Marc Marquez, ma Andrea Dovizioso (che con lo spagnolo condivide la vetta del Mondiale) è pronto al duello: "E' stato un anno particolare, in alcune occasioni non pensavamo di essere competitivi invece poi lo siamo stati per l'intero weekend. L'anno scorso qui siamo stati disastrosi, è vero, specialmente in gara, ma da quel GP abbiamo cambiato il bilanciamento e siamo migliorati. Sappiamo  che le Honda saranno durissime da battere, ma secondo me avremo le nostre carte da giocarci e ci proveremo".

L'importanza delle gomme

"Il fatto che il circuito di Aragon non sia il migliore per il mio stile di guida non è un aspetto fondamentale: hanno molta più importanza le gomme e il loro funzionamento. Nelle prime uscite metteremo le ruote sull'asfalto e capiremo il nostro livello. Dal mio punto di vista sono rilassato e pronto a lottare. Sarà complicata, ma siamo in una buona situazione".

Il ritorno di Rossi

"Con Valentino ci sarà un altro pilota che potrà andare veloce, magari non subito ad Aragon, ma potrà essere assieme a noi, fare la differenza e quindi togliere punti agli avversari. Il suo rientro mi affascina, fa sempre piacere vedere un pilota tornare a correre in tempi rapidi dopo un infortunio. Ancora di più nel caso di Valentino, che nonostante sia quasi fuori dai giochi per il campionato non vuole mollare. Non sarà al top, ma credo che sarà comunque competitivo. Ci ha abituati a essere unico".

La gara di Misano

"A Misano non ho pensato solo al campionato, semplicemente quando non ti senti al meglio con la tua moto è giusto non osare oltre il limite. Durante la gara non mi sentivo perfetto con la mia moto, c'era qualcosa che non andava, per cui ho scelto di tenermi stretto il terzo posto e portare a casa punti preziosi".

I più letti