MotoGP ad Aragon: vincono Marc Marquez e... Valentino Rossi

MotoGp

Antonio Boselli

Marc Marquez vince ad Aragòn e ora va a +16 su Dovizioso che ha chiuso in settima posizione, gara fantastica di Rossi che taglia il traguardo in 5° posizione

L'ORDINE D'ARRIVO - LA CLASSIFICA

CONDO' SU ROSSI: UN ARTISTA CHE NON SMETTE DI STUPIRE

RIVIVI LE EMOZIONI DELLA GARA

Una delle gare più incerte alla vigilia, si è conclusa con l’epilogo forse più scontato. Ad Aragòn vince Marc Marquez rimontando posizione su posizione con metodo e regolarità. Allo start il pilota della Honda sceglie una gomma dura davanti e dietro e, nonostante dei primi giri con alcune sbavature, sorpassa in sequenza Vinales, Dovizioso, Rossi e infine Lorenzo che aveva guidato la gara fino ad 8 giri dalla fine.

E’ la quinta vittoria di Marquez in stagione che nelle ultime 8 gare ne ha vinte 4, è salito 7 volte sul podio accusando uno zero solo per la rottura del motore. In poche parole un dominio che danno ai 16 punti di vantaggio su Dovizioso un peso notevole. Pedrosa e Lorenzo chiudono un podio tutto spagnolo, una tradizione del gran premio di Aragòn.

Semplicemente stra-ordinario nel senso letterale del termine Valentino Rossi che per 15 giri lotta tra la seconda e la terza posizione. Se uno avesse visto la gara senza sapere quello che gli è capitato, probabilmente non si sarebbe accorto che Rossi ha corso con una gamba fratturata 24 giorni fa. La forza che si deve esercitare su queste moto è notevole in perfette condizioni fisiche, figuriamoci con un chiodo endomidollare nella gamba. La risposta è semplicemente nella determinazione feroce di un campione che nonostante i 38 anni e i 9 titoli mondiali ha ancora una fame incredibile.

L’unica nota negativa della giornata è il settimo posto di Dovizioso che si allontana dalla vetta della classifica. Si sapeva che sarebbe stata una gara difficile e così infatti si è dimostrata anche perché le prime due sessioni di prove libere, preziose per affinare l’assetto, sono andate sprecate per la pioggia.

A quattro gare dalla fine, si possono fare sempre meno calcoli perché con un Marquez così si può solo spingere più forte che si può.

I più letti