MotoGP: Valentino Rossi, ad Aragon la lezione di uno che si diverte

MotoGp

Guido Meda

Valentino Rossi quinto nel GP Aragon 2017, tappa n.14 del Motomondiale (Getty Images)

Trentotto anni e niente da dimostrare. Eppure Rossi trancia i protocolli medici con un rientro record da inserire in quella lista speciale di piloti che nella storia hanno fatto come lui. Quando la passione è terapeutica. Ma non chiamateli eroi. Non vogliono

L'ORDINE D'ARRIVO - LA CLASSIFICA

Bisogna essere onesti: quando su un caso come quello di Rossi ci mettiamo a fare la caccia grossa all'aggettivo efficace è raro che venga fuori roba realmente grossa o particolarmente originale. Gira e rigira finiamo sempre per dire che lui, o tutti quelli che hanno fatto come lui e prima di lui, sono eroi. Al limite diciamo che hanno fatto il miracolo.

Entriamo a bomba nell’irrazionale retorico quando la spiegazione sta, limpida, nelle parole e nelle azioni di un weekend di gara come questo.
Perché hai deciso di tornare così presto? Le risposte di Valentino sono una raffica di concetti tanto semplici da risultare geniali: "Perché la gamba si si sistemava bene, perché mi piace andare in moto, per non perdere tempo e allenamento. Perché a casa cominciavo ad annoiarmi".
Si capisce come sia molto più profonda questa leggerezza dell’istinto che non qualsiasi esercizio esistenziale.

Rossi è uno che si diverte, da sempre. Uno che gioca, da sempre. E che nel gioco, da sempre, ha trovato - potendoselo permettere - la formuletta per restare un ragazzino. Che a 38 anni senza dover più dimostrare niente, può arrivare quinto dopo aver pure accarezzato l’idea del podio. Forse è vero che a mettere insieme passione intensa, chirurgia e terapia eccellenti le guarigioni si possono accorciare anche per noi. In questo senso l’avventura di Aragon è un esempio.

La questione invece si fa più seria fronteggiando la delusione di Dovizioso. Anche per lui sarebbe un gioco, non fosse che stavolta si è rotto perché lui è dei Beatles ma Aragon è per gli Stones. Questa pista non è la sua musica, tanto da perdere 16 punti da Marquez a quattro gare dalla fine.
Marquez gioca, con la corrente elettrica, ma gioca anche lui, sparando follie e velocità su ogni terreno. Mica facile adesso che ha vinto ancora davanti a Pedrosa. Anche se dell'altro gusto italiano lo portiamo a casa con Lorenzo su Ducati ancora sul podio, ancora terzo e un'Aprilia finalmente bella visibile grazie a Espargarò. Moto italiane, eccellenze italiane, nate sul serio, diventate strumenti di divertimento.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche