Test Thailandia 2018, giornata 1: tutta la MotoGP

MotoGp
MotoGP in Thailandia per tre giorni di test

Prima giornata di test per la MotoGP a Buriram, nel giorno dei 39 anni di Rossi. Mattinata dominata da Marquez, che nel finale però viene scavalcato da Crutchlow e Rins. Dovizioso 4°, più indietro le Yamaha: Rossi 8°, Vinales oltre la top ten. Fino a domenica tutti gli aggiornamenti da Buriram su SkySport24, su app e SkySport.it. L'approfondimento alle 19.30 a Race Anatomy su Sky Sport MotoGP HD

CLICCA QUI PER LA SECONDA GIORNATA DI TEST LIVE

SCARICA IL PDF CON TUTTI I TEMPI

MOTOGP, CALENDARIO 2018

Il miglior tempo di Cal Crutchlow conferma l’ottimo avvio di stagione della Honda, che ha ormai scelto la specifica del nuovo motore per questa stagione. Anche il terzo tempo di Marquez e il quinto di Pedrosa a poco più di un decimo dimostrano che la casa giapponese è già a buon punto. Si può dire la stessa cosa della Ducati, soprattutto nel lato del box di Dovizioso. Il pilota italiano è stato a lungo in cima alla classifica dei tempi, appaiato con Marquez, segno che la Gp18 è una moto equilibrata e abbastanza semplice da portare al limite. In pista si è vista anche l’ultima versione della nuova carena che ha un cupolino universale su cui si possono montare tre tipi di aerodinamica, senza ali, con ali a medio carico e con ali ad alto carico. Si respira tutt’altra atmosfera nel lato del box di Lorenzo, apparso nervoso sin dalla prima uscita, quasi avesse perso tutta la fiducia che aveva acquisito negli ultimi test. Male le Yamaha, ottavo Rossi, Vinales 11esimo. Valentino, nel giorno del suo 39esimo compleanno, è stato esplicito, il problema con l’elettronica c’era, c’e e rischia di esserci se non verrà trovato un rimedio. E visto che i giapponesi non ci sono riusciti in oltre un anno, la situazione comincia a essere delicata.

11.30 La top ten finale: Crutchlow resiste in vetta

11.15 Vinales rientra

Lo spagnolo della Yamaha ai box. Non sembra soddisfatto della propria prestazione, con la mano mima lo scivolamento della ruota riferendosi al problema di spinning della ruota posteriore, che la moto soffre già dalla scorsa stagione.  

11.10 Meno di mezz'ora alla fine della prima giornata: Vinales e Lorenzo nei primi 10

11.05 Si rivede Vinales

Lo spagnolo della Yamaha è settimo a 0.497 da Crutchlow, scala in decima posizione Rossi.

10.50 Ducati, tutto sul nuovo cupolino

La particolarità della nuova carena Ducati è che il cupolino rimane universale per le tre versioni differenti: quella senza ali, quella con ali da medio carico e quella con ali da alto carico. Cambiare le varie carene con questo sistema risulta essere più semplice e veloce rispetto al precedente.

Le immagini della terza versione della carena Ducati sulla moto di Lorenzo

10.45 Cambia la top ten: balzo in avanti di Crutchlow

10.35 Nuova carena Ducati parte 2

Al cupolino vengono aggiunte le ali.

10.20 Morbidelli, il lavoro continua

Per il debuttante italiano della MotoGP continua il lavoro di adattamento alla Top Class.

10.10 Nuova carena Ducati

A prima vista il cupolino sembra piatto e più largo, ma è solo la prima evoluzione. Sono attesi ulteriormenti aggiornamenti.

10.00 Honda e Ducati, bene su giro secco e gomme

Notizie positive da Honda e Ducati per i tempi sia sul girto secco sia come tenuta gomme. Problemi maggiori per la Yamaha, che soffre ancora di spinning.

09.45 Lorenzo ai box

Lorenzo rientra ai box visibilmente nervoso. Lo spagnolo è 14esimo a un secondo dalla coppia Marquez-Dovizioso.

La top ten a tre ore dal termine dei test:

Petrucci: "Tracciato ok"

"Pista che mi è piaciuta da subito, è abbastanza veloce, la moto si comporta bene. Non abbiamo fatto grandi modifiche, siamo abbastanza competitivi. E' dura, fa molto caldo, ma dobbiamo prepararci al meglio per la gara con la nuova moto quindi dobbiamo proseguire così".

Non solo test: a Buriram si festeggiano i 39 anni di Vale

8.33 Miller: pista più pulita delle previsioni

"Il tracciato è più pulito di quanto mi aspettassi. Con la Ducati mi trovo benissimo, praticamente non ho dovuto fare cambi di assetto perchè mi sono sentito subito a mio agio".

8.30 Problemi per Redding

Redding ha alternato giri con l'Aprilia 2017 e con quella 2018, perchè ha avuto provlemi al motore e al nuovo sistema dei freni. Nel pomeriggio thailandese tornerà in pista con la nuova versione.

8.26 Primi tempi per il debuttante Hafizh Syahrin

Primo malese della MotoGP, in pista con la Yamaha Tech3, Syahrin chiude la classifica dei tempi a metà giornata: 1:34.041.

La top ten dopo le prime tre ore di test:

7.29 Nuovo telaio per Ducati, le prime immagini

Nuovo telaio per la Ducati a Buriram, con cui Dovizioso ha fatto un solo shake down.

I tempi sono comunque già molto buoni, segno che l'asfalto è in buone condizioni. Per la Yamaha non è prevista nessuna novità particolare, i piloti in questo test devono ulteriormente scremare il materiale portato a Sepang, soprattutto nella scelta del motore. Attese novità in casa Ducati: pomeriggio dovrebbe debuttare anche la nuova carena studiata dall'Ingegner Dall'Igna, che ha fatto scuola in questi anni. Nel lato del box di Dovizioso, è presente una moto con un nuovo telaio. In casa Honda, oltre al lavoro di set up, ci si concentra sul motore da deliberare prima dell'ultimo test del Qatar. Debutto anche per il pilota malese Syahrin con la Yamaha Tech3. Anche qualche scivolate per Crutchlow, Bautista, Pedrosa e Rabat senza conseguenze.

Circuito inedito

La pista thailandese (da quest'anno in calendario, gara domenica 7 ottobre) è una novità per i piloti del motomondiale, mentre la frequentano già i colleghi della Superbike. Costruita nel 2014, sorge a circa cinque ore da Bangkok, nel nord est del paese asiatico. Lunga 4,6 chilometri, si sviluppa con sette curve a destra e sei a sinistra. I team sono quindi attesi da una doppia prova, procedere nello sviluppo delle moto e prendere confidenza con il tracciato.

I primi test di Sepang

Nei test di fine gennaio, a Sepang, il più veloce è stato Jorge Lorenzo che, con la Ducati ufficiale, ha stabilito il record della pista. Un bell'inizio di 2018 per il marchio di Borgo Panigale, che ha mostrato i progressi ottenuti con il lavoro invernale. Sia Lorenzo che Andrea Dovizioso hanno ricavato buone impressioni dalla GP18. La Ducati è stata pioniera dell'aerodinamica con l'adozione delle ali sulle carenature. Un intenso lavoro sull'aerodinamica attende anche la Honda. Il team Hrc fino ad ora si è concentrato soprattutto sul motore. Riscontri positivi sono giunti sia dal campione del mondo in carica, Marc Marquez, che dal suo compagno squadra, Dani Pedrosa, affiancato dal collaudatore Cal Crutchlow. Yamaha: i primi due giorni soo stati molto positivi a Sepang sia per Maverick Vinales che per Valentino Rossi, il terzo è stato un po' più difficile per il marchio di Iwata.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche