MotoGP, il team Marc VDS si guarda intorno per il dopo Honda

MotoGp
Morbidelli ai test del Qatar (foto: Getty Images)

Dopo il rinnovo di un solo anno con Honda il team Marc VDS cerca nuovi partner: Suzuki e Yamaha in pole

ROSSI: "CORRO FINO AL 2020"

MOTOGP 2018, LA MUSICA LA METTONO I MOVIDA

MOTOGP E F1 2018, I GP IN ESCLUSIVA SKY

Il team Marc VDS è alla ricerca di un accordo con una casa per il 2019. Dopo la rottura di Tech3 con Yamaha e il conseguente accordo con KTM, nel paddock si riprende a parlare di mercato con Marc VDS da protagonista.

A “lanciare” la notizia proprio il team Principal Michael Bartholemy alla presentazione delle moto per il 2018: “Il rinnovo dello scorso anno con Honda ci ha deluso e spiazzato ci aspettavamo un contratto a lungo termine, non di un solo anno. Siamo uno dei team satellite più competitivi della MotoGP, abbiamo una grande squadra con dei grandi piloti, ora parleremo con altri team”.

Tra i candidati per accogliere Marc VDS nel proprio progetto di sviluppo ci sono Yamaha e Suzuki.

La casa di Iwata, che dal 2019 sarà orfana di Tech3 dovrà trovare al più presto un independent team di supporto a quello ufficiale di Rossi e Vinales.

Bartholemy non esclude nessuna possibilità: “stiamo parlando con molti team, Suzuki è sicuramente uno di quelli che valuteremo. Vogliamo un accordo duraturo, di almeno 3 anni”.

Da tempo Suzuki non nasconde l’interesse per un team satellite. Il progetto di Davide Brivio è quello di poter creare progetti di sviluppo differenti sulle moto in modo da varare tutte le possibilità di gestione. La Suzuki deve ripartire e dopo un 2017 difficile nel 2018 il team beneficerà delle concessioni a causa della mancanza di podi nell’ultimo campionato: (9 motori sviluppabili contro i 7 punzonato ad inizio stagione delle altre squadre, test liberi anziché limitati).

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche