MotoGp, i colori del motomondiale: a Milano la mostra di Aldo Drudi

MotoGp

Antonio Boselli

Da sabato 5 maggio in esposizione al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano le creazioni di Aldo Drudi, il designer che “colora” la velocità e i piloti del Motomondiale

Andare forte in moto è di per sé una forma d’arte, basta andare a bordo pista di un qualsiasi gran premio per capire che i piloti sono degli artisti capaci di interpretare, ognuno con il suo stile, le linee curva dopo curva. L’obiettivo è per tutti lo stesso, tagliare il traguardo prima degli altri e così facendo esaltarsi ed esaltare chi li guarda, esattamente come fa un’artista che crea un’opera d’arte con la stessa identica finalità. Per questo non è irriverente, anzi, è giusto che i piloti siano protagonisti della mostra “I Colori del Motomondiale”, aperta fino a domenica 3 giugno, al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano. Un’esposizione che presenta le creazioni di Aldo Drudi, designer e grafico che con le sue intuizioni “colora” la velocità e i piloti del Motomondiale. Il tema principale è la collezione di caschi originali realizzati da Aldo Drudi dagli Anni ‘80 a oggi: dal primo di tutti, quello di Graziano Rossi, all’ultimo realizzato per questa stagione per Valentino Rossi, oltre alle nuove grafiche di tanti piloti della MotoGP - Morbidelli, Iannone, Vinales, Crutchlow, solo per nominarne alcuni - così come di Moto2 e Moto3. E poi, tra i tanti, i caschi storici di Kevin Schwantz, Mick Doohan, Randy Mamola, Loris Capirossi, Max Biaggi, Manuel Poggiali, Noriyuki Haga, Loris Reggiani e Marco Melandri. In esposizione anche la Gilera 250, il casco e la tuta con la quale Marco Simoncelli vinse il Mondiale 2008. La mostra rappresenta anche un’occasione eccezionale e unica per ammirare dal vivo tutte le moto da competizione iscritte al Mondiale MotoGP, esposte assieme al casco e alle tute dei loro piloti. Dalla Honda di Marc Marquez campione 2017 alle Ducati, Yamaha, Suzuki, Aprilia e Ktm ufficiali a quelle dei team satellite LCR, Pramac, MarcVDS e Tech3. Spiega Aldo Drudi: “Ho pensato a questa mostra cercando un modo diverso di raccontare il motociclismo, quello che conosciamo noi che frequentiamo il paddock, anziché quello che, a molti, può sembrare solamente qualcosa di tecnico o ossessivo, gente che gira intorno in pista per andare sempre più forte. Invece non è per niente così. La passione per la velocità è, a mio avviso, qualcosa che viene da lontano, di atavico, che tutti abbiamo dentro. L’andare un po’ più forte di quello che riusciamo a fare con il nostro corpo ha sempre affascinato l’uomo, dalla scoperta della ruota in poi”.

 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche