MotoGP, Mugello 2018. Pirro a Sky dopo l'incidente: "Ero rimasto senza freni, sono fortunato"

MotoGp

Michele Pirro, dopo la caduta nelle Libere del GP d'Italia, rassicura i tifosi in collegamento telefonico con Sky Sport MotoGP: "Ero rimasto senza freni, mi sono attaccato a tutto quello che avevo, temevo di arrivare nella ghiaia a quella velocità. Magari domenica ci rivedremo al Mugello"

IL SIPARIETTO TRA ROSSI E LORENZO

L'ORDINE DI ARRIVO AL MUGELLO

LA CLASSIFICA - IL CALENDARIO

Dopo aver scampato un pericolo così grande, tornare a sorridere è ancora più bello. Anche una semplice telefonata con i tuoi meccanici può relagarti sensazioni speciali che, per un attimo, hai temuto di poter perdere. Michele Pirro è intervenuto telefonicamente in diretta con Sky Sport MotoGP il giorno dopo la terribile caduta alla staccata della San Donato. Un volo che ha fatto pensare al peggio. Per fortuna la Tac è risultata negativa e, nonostante diversi traumi sparsi per il corpo, il pilota della Ducati spera già di essere dimesso domenica, in tempo per rivedere i propri colleghi e amici correre al Mugello: "Sono cose che capitano, rimanere senza freni alla San Donato non è una cosa bella, sono fortunato a non essermi fatto nulla di grave, sono in ospedale sotto osservazione, domani dovrei essere di nuovo al circuito. Mi sono giocato un jolly raro, mi sono attaccato a tutto quello che avevo quando mi sono accorto che ero senza freni, avevo paura di arrivare nella ghiaia a quella velocità, si è bloccata la ruota e la moto mi ha fatto volare. Ricordo il momento del volo, poi non ricordo più nulla… Non so come mai quest’anno il problema dello scollinamento si è amplificato tanto, il primo giro che ho fatto nelle FP2 mi sono dovuto fermare perché la moto non frenava, quando sono ripartito pensavo andasse meglio, ma alla prima curva ho sentito che non avevo i freni. Arrotondare quella collinetta? Anche Dovizioso lì ha rotto il motore, secondo me in questo momento, arrivando a quelle velocità, è diventato pericoloso… Con le ali vai più piano e la senti meno, ma senza ali senti tanto la velocità in quel punto… Correre domani? Non mi spiegavo perché non potevo correre già oggi, ma poi mi sono accorto di avere un occhio come una melanzana, forse meglio di no per le qualifiche, ma magari per domenica… Mi piacerebbe davvero prende parte alla gara, ma non mi faranno correre".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche