MotoGP, test Barcellona: 1° Marc Marquez. Yamaha, nuovo serbatoio per Valentino Rossi e Maverick Vinales

MotoGp
Il confronto tra il vecchio e il nuovo serbatoio Yamaha

I piloti della MotoGP (a eccezione delle Ducati ufficiali) sono rimasti a Barcellona dopo la vittoria di Lorenzo per effettuare dei test al Montmeló. Il più veloce è stato Marquez, davanti a Iannone e Rabat. Brutta caduta per Petrucci. Tante le novità tecniche provate: nuovo serbatoio per la Yamaha, due diversi codoni e un prototipo della Honda del 2019 per Marquez, nuovo telaio per la Suzuki e un nuovo telaio rinforzato anche per la Ducati Pramac

TUTTE LE NOVITA' TECNICHE DEI TEST

LA CLASSIFICA - IL CALENDARIO

Tante novità, sempre lo stesso leader. I piloti della MotoGP hanno svolto una giornata di test al Montmeló, dopo la vittoria di Jorge Lorenzo nel GP di Catalunya. I team hanno effettuato molte prove, ma alla fine il più veloce è ancora una volta l'uomo in testa al Mondiale: Marc Marquez anticipa tutti con un 1:38.916 che si avvicina parecchio al tempo della pole di Lorenzo di sabato scorso (1:38.680). Secondo tempo per Iannone (+0.104), terzo Rabat (+0.446). 4° Petrucci, 9° Vinales, 14° Rossi. A eccezione dei due piloti delle Ducati ufficiali (Dovizioso e Lorenzo), tutti gli altri top rider erano presenti con novità interessanti. La Yamaha ha provato un nuovo serbatoio, la Pramac con Danilo Petrucci aveva il compito di testare un nuovo telaio più rigido, come si nota dai rafforzamenti in alluminio presenti sulla sua Ducati. Anche la Suzuki ha effettuato delle prove comparative con un nuovo telaio. Marc Marquez ha provato una moto "total black" che potrebbe essere un prototipo della Honda che guiderà nel 2019. Tra le prove comparative effettuate dallo spagnolo, c'è anche quella che riguarda due differenti codoni: uno più squadrato e un altro più affusolato, con differenti implicazioni aerodinamiche. Il codone squadrato è quello nuovo provato al Mugello e poi scartato. Da segnalare una brutta caduta di Petrucci alla curva 9. Il pilota della Pramac ha avvertito un forte dolore alla mano destra e al piede destro, ma come ha spiegato lui stesso "la radiografia ha escluso fratture".


1 MARQUEZ, Marc 1:38.916

2 IANNONE, Andrea 1:39.020

3 RABAT, Tito 1:39.362

4 PETRUCCI, Danilo 1:39.488

5 ZARCO, Johann 1:39.534

6 CRUTCHLOW, Cal 1:39.727

7 PEDROSA, Dani 1:39.738

8 RINS, Alex 1:39.793

9 VIÑALES, Maverick 1:39.797

10 MILLER, Jack 1:39.799

11 ESPARGARO, Aleix 1:39.915

12 MORBIDELLI, Franco 1:40.004

13 SYAHRIN, Hafizh 1:40.108

14 ROSSI, Valentino 1:40.124

15 SMITH, Bradley 1:40.462

16 NAKAGAMI, Takaaki 1:40.541

17 ESPARGARO, Pol 1:40.721

18 REDDING, Scott 1:40.732

19 SIMEON, Xavier 1:41.145

20 LUTHI, Thomas 1:41.207

21 GUINTOLI, Sylvain 1:41.316

22 KALLIO, Mika 1:41.976

Il nuovo serbatoio Yamaha

Valentino Rossi e Maverick Vinales hanno provato un nuovo serbatoio. Come già successo per Lorenzo, che ha avuto una svolta nella sua stagione con il nuovo serbatoio introdotto al Mugello), anche i piloti della Yamaha hanno provato un serbatoio con una nuova forma per avere una migliore ergonomia in sella: il vecchio serbatoio (nella foto superiore) è leggermente più lungo. Nella foto inferiore, invece, si nota come il serbatoio sia più corto nella zona vicina allo sterzo. Non solo: la forma è diversa anche nel punto in cui il serbatoio si unisce alla sella, assumendo una dimensione più arrotondata che porta il pilota ad assumere una posizione più arretrata.

Le parole dei piloti dopo i test

 - Valentino Rossi (Yamaha): "Non ho avuto vantaggi dalle cose portate qui ai test, speravo in qualcosa che potesse darci una mano, ma la pista non è stata di questo avviso. Abbiamo provato qualcosa di elettronica e altri dettagli come quello del serbatoio, ma non è quello che ci serve".

- Maverick Vinales (Yamaha): "Ho lavorato per migliorare il setting a serbatoio pieno, sono abbastanza soddisfatto. Il nuovo serbatoio mi fa arretrare un po’, ma non mi piace la posizione. Non ho provato le nuove gomme Michelin".

- Marc Marquez (Honda): "La terza moto nera carbonio non era la 2019, ma aveva delle nuove componenti, non il motore. Non posso dire molto, ma mi ha fatto piacere provare questo prototipo. Il best lap l'ho fatto con la moto della gara. Ho fatto una prova comparativa dei codoni, ma danno risultati identici, dunque continuerò con il nuovo. Le nuove gomme mi hanno convinto perchè hanno più impronta a terra, siamo sulla strada giusta".

- Daniel Pedrosa (Honda): "Abbiamo lavorato tantissimo. Ringrazio i meccanici per questo lavoro così intenso. La pista cambiava di continuo e ci portava fuori strada. La gomma Michelin va bene. L'obiettivo è sfruttare meglio le gomme per avere più percorrenza a centro curva e accelerazione in uscita, la frenata va bene".

18.00 - I tempi finali dei test: Marquez è il più veloce

1 M. MARQUEZ 1:38.916
2 A. IANNONE +0.104
3 T. RABAT +0.446
4 D. PETRUCCI +0.572
5 J. ZARCO +0.618
6 C. CRUTCHLOW +0.811
7 D. PEDROSA +0.822
8 A. RINS +0.877
9 M. VIÑALES +0.881
10 J. MILLER +0.883

17.40 - Marquez in testa

Marc Marquez fa sul serio nei minuti finali dei test e strappa il miglior tempo ad Andrea Iannone: il pilota dela Honda è in testa con 1:38.916, con un vantaggio di +0.104 dal collega della Suzuki. Anche Pedrosa migliora con il settimo tempo (+0.822).

17.25 - Marquez sale al secondo posto

Marc Marquez inizia a spingere nella parte finale dei test. Il pilota della Honda rientra in pista e si piazza al secondo posto, con un distacco di +0.210 da Iannone. Rossi non riesce a scendere sotto l'1:40, mentre il suo compagno di team Vinales sale all'ottavo tempo a +0.777 da Iannone.

17.00 - I tempi dopo 5 ore di test

Poca attività in pista nel pomeriggio, con le prime posizioni rimaste invariate. Adesso entrano in pista Vinales, Marquez e Rins. C'è anche Rossi a effettuare dei test comparativi con il nuovo serbatoio: è un dettaglio che riguarda l'ergonomia, non inpatta quindi sul bilanciamento dei pesi.

1 A. IANNONE 1:39.020
2 T. RABAT +0.342
3 D. PETRUCCI +0.468
4 J. ZARCO +0.514
5 M. MARQUEZ +0.548
6 C. CRUTCHLOW +0.707
7 A. RINS +0.773
8 J. MILLER +0.779
9 A. ESPARGARO +0.895
10 M. VIÑALES +0.919

16.35 - Suzuki, Iannone: "Abbiamo provato un nuovo telaio"

16.00 - I tempi dopo 6 ore di test

1 A. IANNONE 1:39.020
2 T. RABAT +0.342
3 D. PETRUCCI +0.468
4 J. ZARCO +0.514
5 M. MARQUEZ +0.548
6 C. CRUTCHLOW +0.707
7 A. RINS +0.773
8 J. MILLER +0.779
9 A. ESPARGARO +0.895
10 D. PEDROSA +0.983

15.33 - Rossi torna ai box

Valentino Rossi è tornato a girare con il vecchio serbatoio, abbandonando per il momento la nuova sella modificata. Il pilota della Yamaha ha girato intorno al 1:41 basso, non entrando tra i primi dieci piloti.

15.16 - Petrucci: "Sono caduto alla curva 9, ho dolore al piede, ma per fortuna sono escluse fratture"

15.00 - I tempi dopo 5 ore di test

1 A. IANNONE 1:39.020
2 T. RABAT +0.342
3 D. PETRUCCI +0.468
4 J. ZARCO +0.514
5 M. MARQUEZ +0.548
6 C. CRUTCHLOW +0.707
7 A. RINS +0.773
8 J. MILLER +0.779
9 A. ESPARGARO +0.895
10 D. PEDROSA +0.983

14.20 - Nuovo serbatoio per Rossi e Vinales

Valentino Rossi sta effettuando delle prove con un serbatoio nuovo. Come già successo per Jorge Lorenzo (che ha avuto una svolta nella sua stagione, con il nuovo serbatoio introdotto al Mugello), anche il pilota della Yamaha sta provando un serbatoio con una nuova forma che potrebbe portare a un diverso bilanciamento dei pesi. Lo scopo è ottenere una nuova ergonomia in sella, con un peso superiore verso la parte posteriore della moto.

14:00 - I tempi dopo quattro ore di test

1 A. IANNONE 1:39.020
2 T. RABAT +0.342
3 D. PETRUCCI +0.468
4 J. ZARCO +0.514
5 M. MARQUEZ +0.548
6 C. CRUTCHLOW +0.707
7 A. RINS +0.773
8 J. MILLER +0.779
9 A. ESPARGARO +0.895
10 D. PEDROSA +0.983

13.47 - Caduta per Petrucci, botta alla gamba destra

Danilo Petrucci è caduto alla curva 9 mentre effettuava dei test con il nuovo telaio Ducati. Il pilota della Pramac ha subito una botta alla gamba destra, ma niente di preoccupante.

13.24 - Ducati, nuovo telaio rinforzato

I piloti ufficiali della Ducati non stanno prendendo parte ai test del Montmeló, ma a Barcellona ci sono comunque i due piloti Pramac che stanno effettuando prove molto importanti. Nello specifico, Danilo Petrucci (che al momento ha il terzo tempo) ha l'incarico di verificare un nuovo telaio più rigido, come si nota dai rafforzamenti in alluminio presenti sulla sua Ducati.

13.10 - Honda, codoni a confronto

I piloti Honda stanno effettuando prove comparative di due differenti codoni, uno più squadrato e un altro più rotondo con differenti implicazioni aerodinamiche. Il codone squadrato è quello nuovo provato al Mugello e poi scartato.

13.00 - I tempi dopo tre ore di test

1 A. IANNONE 1:39.020
2 T. RABAT +0.342
3 D. PETRUCCI +0.468
4 J. ZARCO +0.514
5 M. MARQUEZ +0.548
6 C. CRUTCHLOW +0.707
7 A. RINS +0.773
8 J. MILLER +0.779
9 A. ESPARGARO +0.895
10 F. MORBIDELLI +0.984

12.44 - Suzuki, due nuovi telai

La Suzuki non sta provando il nuovo motore, già deliberato per Assen, bensì sta effettuando prove con due telai diversi. Proprio con uno di questi nuovi telai Andrea Iannone ha realizzato l'ottimo 1:39.020, tempo che al momento vale il primo posto nei test.

12.40 - Le tre moto usate da Marc Marquez nei test di Barcellona

12.27 - Petrucci migliora ancora, adesso è 3°

Ottimo lavoro per Danilo Petrucci, che continua a ridurre il suo distacco dal leader Andrea Iannone. Il pilota della Pramac adesso è terzo a +0.468 dal collega della Suzuki.

12.20 - Nove giri per Rossi

Entrano in pista anche le Yamaha ufficiali. Valentino Rossi ha effettuato nove giri, prima di rientrare ai box. Il "Dottore" non ha cercato il tempo ed è infatti fuori dalla top 10

12.15 - Petrucci accorcia su Iannone

Ottimo giro per Danilo Petrucci. Il pilota della Pramac, che dal prossimo anno guiderà una Ducati ufficiale, occupa la quarta posizione e riduce il distacco da Iannone a +0.529.

12.07 - Iannone scalza Rabat

Sono test importanti per la Suzuki. Andrea Iannone parte forte e strappa il primo posto a Rabat. "The Maniac" al momento è il pilota più veloce in 1:39.020. Iannone stacca Rabat di +0.342 e Zarco di +0.514.

12.00 - I tempi dopo due ore di test

1 T. RABAT 1:39.362
2 J. ZARCO +0.172
3 D. PETRUCCI +0.187
4 M. MARQUEZ +0.283
5 C. CRUTCHLOW +0.365
6 J. MILLER +0.437
7 A. IANNONE +0.539
8 A. ESPARGARO +0.553
9 H. SYAHRIN +0.746
10 F. MORBIDELLI +0.861

11.45 - Rabat in testa

Dopo due ore di test, il pilota più veloce è Tito Rabat in 1:39.362. Lo spagnolo è l'unico ad essere sceso sotto il muro del "40".

11.30 - Marquez, Iannone e Petrucci in pista

I primi top rider entrano in pista: Marquez al momento è terzo, Iannone è quinto, Petrucci ottavo

11.15 - Team al lavoro in vista di Assen

I team della MotoGP hanno iniziato il lavoro a Barcellona, per provare a migliorare l'assetto delle moto in vista del prossimo GP ad Assen. I problemi di elettronica della Yamaha saranno tra i temi centrali del test del Montmeló, insieme alle nuove gomme Michelin e al nuovo motore Suzuki.

11.00 Scattano i test al Montmeló

Dopo la vittoria di Jorge Lorenzo nel GP di Catalunya, diversi team della MotoGP si sono trattenuti al Montmeló per effettuare i test in programma. Tra le squadre principali manca solo la Ducati. Per il resto Yamaha, Honda e Suzuki sono presenti al circuito insieme ai molti team satellite. Sarà una sessione molto importante per le Yamaha, apparse in leggero ritardo al Montmeló rispetto a Honda e Ducati. Nonostante i problemi, Valentino Rossi è salito sul podio nel GP di Catalunya con il terzo posto e occupa il secondo posto nella classifica, a -27 da Marquez. Maverick Vinales, che al Montmeló non è riuscito ad andare oltre il sesto posto, è terzo nel Mondiale a -38 dal leader della Honda.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche