MotoGP: test di Aragon, la Ducati vola anche al Motorland

MotoGp

Francesco Berlucchi

La Ducati impressiona nei test privati sul circuito spagnolo. Una pista che piace a Jorge Lorenzo ma non è certo fra le più favorevoli alla rossa di Borgo Panigale. Ma i test si sono rivelati molto importanti anche per la M1 di Rossi e Vinales, oltre a Suzuki, Pramac e Ktm che ha portato in Spagna anche le Moto2

CALENDARIO: PROSSIMO GP A MISANO

Nella settimana in cui la Rossa torna a casa, sull’Autodromo nazionale di Monza, l’altra Rossa vola ed impressiona sulla pista di Aragon. Nonostante il circuito non fosse in ottime condizioni, i test privati sono stati molto utili a quelle case che una svolta alla stagione la devono trovare per forza. Una su tutti, la Yamaha, i cui tecnici avevano l’obbligo di sfruttare ogni singolo secondo, così come era già successo a Misano, per provare e trovare nuove soluzioni. A partire dall’elettronica.

Lo sfogo di Valentino Rossi in combinato disposto con le lamentele di Maverick Vinales avevano costretto Kouji Tsuya, il project leader della casa di Ywata, a scusarsi pubblicamente. Dopo il venerdì positivo di Silverstone, però, l’11simo e il 12simo posto in griglia dei due piloti Yamaha è stata l’ennesima doccia fredda, prima che un’altra acqua fermasse tutti. Ma, come detto, non solo Yamaha. Anche Suzuki, Pramac, KTM e Ducati. Le moto di Borgo Panigale sembrano a loro agio al Motorland, più del previsto. Bene Danilo Petrucci e Jack Miller, molto bene Andrea Dovizioso e Jorge Lorenzo.

I giapponesi hanno portato ad Aragon anche Sylvain Guintoli, affiancandolo ad Alex Rins ed Andrea Iannone, che nelle ultime cinque gare disputate non è mai andato oltre la decima posizione. Mentre per gli austriaci sono scesi in pista Bradley Smith e Randy De Puniet, per la prima volta dopo il suo ritorno a Mattighofen, ma anche i due piloti Moto2 Brad Binder e Miguel Oliveira. Una sessione di test molto utile al portoghese per capire davvero cosa è andato storto a Silverstone, dove Oliveira in qualifica era naufragato in 23esima posizione. La zattera questa volta gliel’ha costruita la buona sorte, evitandogli una lunga e faticosa rimonta verso Pecco Bagnaia, che al contrario sarebbe partito in pole.

Chi invece esce dal Motorland senza il sorriso è Chaz Davies, che ha avuto un incidente mentre si allenava con la supermotard nel tracciato interno. Come riporta il sito Gpone.com, il pilota del team Aruba è caduto sbattendo la testa e proprio la clavicola già infortunata in mountain bike nei giorni precedenti al World Ducati Week. Davies è stato subito portato in ospedale, ma non sembrano esserci gravi conseguenze per lui.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche