MotoGP, GP Thailandia. Jorge Lorenzo in dubbio per le qualifiche: "Possibilità minime"

MotoGp

Lorenzo non ha subito fratture dopo la brutta caduta nelle Libere di Buriram, ma la sua presenza per le qualifiche resta in dubbio: "Le possibilità sono minime, sarà dura tornare in moto, ma ci proverò. Ho una contusione al polso sinistro e un'altra al piede destro, ma potevo farmi molto più male. La caduta? Sono contento di aver scoperto che non è colpa mia, sembra che la causa sia un problema tecnico della moto"

 

IL RACCONTO DELLA GARA DI MOTOGP

LA CLASSIFICA - IL CALENDARIO

Scosso, ma non sfiduciato. "Jorge è un combattente", dice con voce sicura Davide Tardozzi davanti alla clinica mobile, mentre Lorenzo veniva controllato dai medici a causa della caduta in curva 3. Gli esami effettuati all’ospedale di Buriram hanno escluso fratture per il pilota spagnolo, vittima del secondo highside in due circuiti consecutivi. "La Direzione Gara lo ha giudicato fit per il weekend, ma bisogna capire se sarà in grado di correre o meno", specifica Tardozzi. Concetto ribadito anche dallo stesso Lorenzo al microfono di Antonio Boselli dopo i controlli in ospedale: "Sapendo quello che ho passato con questa brutta caduta, da una parte mi sento sfortunato per essere finito a terra, ma dall’altra parte mi sento fortunato perché potevo farmi molto più male, anche se non è stata colpa mia, non ho fatto niente di strano per cadere – spiega Jorge a Sky –. Ho una contusione abbastanza importante al polso sinistro e un’altra nel piede destro, precisamente alla caviglia. Gli esami che abbiamo fatto in ospedale a Buriram non hanno evidenziato fratture, sono contento di aver scoperto che non è colpa mia. Sembra che la causa della caduta sia un problema tecnico della moto. È un grande peccato, stavo andando forte, ma queste cose capitano in MotoGP. Essere in pista per le qualifiche? Le possibilità sono minime, sarà dura tornare in moto, ma ci proverò".

Lorenzo, nessuna paura: "Ho fiducia nel mio team"

La brutta caduta nelle Libere di Buriram non ha scoraggiato Lorenzo che, anzi, non vede l'ora di tornare in pista. L'incidente, come ha spiegato lo stesso Tardozzi, è stato causato da un problema tecnico e non da un errore di Jorge. Nonostante questo, il pilota spagnolo non ha minimamente perso la fiducia nel proprio team: "Ho parlato della caduta con Gigi Dall’Igna e con gli altri ingegneri, hanno capito cosa è successo, sanno cosa fare affinché non succeda di nuovo. Se dovessi tornare in moto per le qualifiche, sicuramente cambieremmo qualcosa per non ripetere la stessa situazione. Da questo punto di vista sono tranquillo, mi fido del mio team".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche