MotoGP, GP del Giappone 2018: tutto quello che c’è da sapere

MotoGp

Michele Merlino

Torna il Motomondiale: domenica Marquez potrebbe già laurearsi campione del mondo. Ecco tutto ciò che c'è da sapere sull'appuntamento di Motegi

MARQUEZ CAMPIONE DEL MONDO

LA CLASSIFICA - IL CALENDARIO

  • Questo sarà il 20° GP che si svolge a Motegi - La prima edizione fu quella del 1999.
  • La Honda fa gli onori di casa, sono infatti i proprietari del circuito. La casa di Tokio è la più vincente, con 8 successi contro i 5 della Ducati, 4 della Yamaha e 2 della Suzuki. Anche sul versante dei podi la Honda è preponderante: 29 contro i 28 della somma dei loro rivali (Yamaha 15, Ducati 8, Suzuki 3, Kawasaki 2).
  • Una Honda non parte in pole qui dal 2011, rendendo Motegi il circuito del calendario attuale con la pole Honda più lontana nel tempo. La Yamaha è il team da battere in qualifica a Motegi: hanno messo a segno la pole nelle ultime tre edizioni, con tre piloti diversi: Lorenzo nel 2015, Rossi nel 2016 e Zarco nel 2017.
  • 1 su 11 - la pole di Dovizioso del 2014 è l’unica ad essere sfuggita al binomio Honda/Yamaha qui nelle ultime 11 edizioni della gara di Motegi.
  • 3x3x3 - curioso il dato relativo ai plurivincitori a Motegi. Sono 3: Capirossi, Lorenzo e Pedrosa; hanno vinto 3 gare ciascuno; lo hanno fatto con 3 marche di moto diverse (Capirossi su Ducati; Lorenzo su Yamaha; Pedrosa su Honda).
  • Valentino Rossi re dei podi - si è piazzato fra i primi tre in 11 occasioni, quasi il doppio dei suoi più immediati inseguitori, Pedrosa e Lorenzo, che contano 6 podi ciascuno. Solo due degli undici podi di Rossi sono vittorie: in ben 7 occasioni ha terminato al secondo posto ed in due al terzo.
  • L’ultimo giapponese - a podio in una delle tre classi nel GP di casa è Hiroshi Aoyama, nella gara delle 250cc nel 2009 (2°).
  • La pioggia - nelle ultime 10 edizioni c’è stata gara bagnata qui solo due volte: nel 2015 e l’anno scorso. In qualifica c’è stata pioggia nel 2013 e l’anno scorso, mentre nel 2009 le qualifiche furono addirittura annullate per la pioggia ed i piloti si schierarono in griglia in base ai tempi messi a segno nelle libere.
  • L’importanza della pole/prima fila - statisticamente la pole qui non è molto importante: il poleman ha vinto solo 6 delle 19 gare corse a Motegi. Partire in prima fila comunque è un buon indice di successo finale: 12 delle 19 vittorie sono giunte appunto dalla prima fila e non si è mai vinto qui dalla decima posizione in giù.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche