MotoGP GP Malesia 2018. Rossi: "Punti importanti persi". Vinales: "Siamo sulla strada giusta"

MotoGp

Umori contrastanti nel box Yamaha alla vigilia del GP della Malesia. Rossi: "A Phillip Island ho perso punti importanti, sono davvero deluso. Ora dobbiamo concentrarci su Sepang". Vinales: “Siamo sulla strada giusta, speriamo di poter finire la stagione con altre vittorie"

LA GARA DI MOTOGP

LA CLASSIFICA - IL CALENDARIO

La Yamaha ha interrotto a Phillip Island il digiuno di vittorie più lungo da quando ha iniziato a vincere, ben 25 gare. Le difficoltà incontrate nel corso della stagione sono state così evidenti che se anche arrivassero altri due successi a Sepang e Valencia, questo rimarrebbe comunque il campionato con meno vittorie dal 2003. La casa di Iwata a Sepang è salita sul gradino più alto del podio per l’ultima volta nel 2010 con Rossi. Da allora i piloti delle M1 sono sempre entrati nella top-3 in ogni edizione, finendo al secondo posto in ben quattro occasioni (dietro a Pedrosa nel 2012 e 2015, Marquez nel 2014, Dovizioso nel 2016).

Valentino Rossi arriva a Sepang dopo la delusione di Phillip Island, dove le difficoltà con la gestione della gomma posteriore hanno costretto il nove volte campione del mondo ad alzare bandiera bianca, rinunciando alla lotta per il podio. “Sfortunatamente – dice Rossi - in Australia ho perso punti importanti per il campionato e sono davvero deluso, ma sono felice per Maverick e per la Yamaha. Ora dobbiamo concentrarci sulla terza e ultima gara oltreoceano a Sepang, perché sarà importante avere un buon weekend. Dobbiamo continuare a lavorare duro per essere competitivi ad ogni gara. Sepang non è uno dei nostri circuiti preferiti, ma, come sempre, faremo tutto il possibile per ottenere buoni risultati”.
Le statistiche vedono Rossi come il pilota più vittorioso in top-class al SIC, con 6 vittorie, pari alla somma dei successi dei suoi attuali rivali (3 Pedrosa, 2 Dovizioso, 1 Marquez)

La vittoria di Vinales in Australia, a tre GP dalla fine del mondiale, ha scongiurato per Yamaha la prima stagione senza vittorie dal 2003. La soddisfazione del pilota spagnolo è evidente in questa vigilia malese: “Dopo il successo in Australia sono veramente felice. Il team ha lavorato sodo per superare la crisi che stavamo vivendo. Mi sento a mio agio e ho ritrovato sicurezza. Ma dobbiamo pensare alla prossima gara a Sepang. Siamo molto motivati. È un circuito soggetto a condizioni atmosferiche molto variabili e comunque diverse da quelle che abbiamo trovato a Phillip Island e in Giappone – fa sempre molto caldo, e questo rende la gara molto dura dal punto di vista fisico. Abbiamo fatto un grosso passo in avanti a Phillip Island infatti mi sentivo molto bene sulla mia M1. Siamo sulla strada giusta e se continuiamo così, speriamo di poter finire la stagione con altre vittorie.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche