MotoGP, GP Argentina, Rivola: "Non siamo contro Ducati, ma vogliamo regole chiare"

MotoGp

Massimo Rivola, Amministratore Delegato Aprilia, in Argentina torna sul contestato spoiler Ducati: "Non siamo contro il team, ciò che chiediamo è che venga fatto un chiarimento, dimostrando la debolezza di come sono scritte e controllate le regole"

ARGENTINA, TRIONFA MARQUEZ. ROSSI E DOVI SUL PODIO

Il GP in Qatar si è corso il 10 marzo e la vittoria di Dovizioso è stata confermata, dunque non resta da decidere più nulla, ma lo spoiler Ducati è ancora protagonista nella giornata dedicata alla conferenza stampa piloti con cui si è aperto il GP d'Argentina. Massimo Rivola, Amministratore Delegato Aprilia, è intervenuto su Sky Sport MotoGP a Talent Time: "Non è nostra intenzione fare un terzo grado d'appello, non siamo contro Ducati. Ormai è scritto anche sui muri: la nostra intenzione è quella di fare un chiarimento e dimostrare la debolezza di come sono scritte e controllate le regole. Credo che su questo ci sia molto da riflettere. Il fatto che ci siano state quattro Team schierati è una testimonianza di questa debolezza".

"Ora che sappiamo che si può sviluppare decideremo se investire le nostre risorse per questo 'cucchiaio' o no", ha aggiunto Rivola, "Il nostro gesto ha passato la palla ai poteri più forti, ora è necessario che loro se la palleggino. Noi siamo a disposizione per proporre soluzioni. Io posso portare la mia esperienza della F1 per migliorare questo sport. Il campanello d'allarme è in particolare sul tema dell'aerodinamica".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche