MotoGP, GP Francia, Jorge Lorenzo: "Con Honda sfida difficile, la strada è ancora lunga"

MOTOGP

Inizio di stagione delicato per Lorenzo, che ha raccolto 11 punti in 4 GP: "Ogni piccolo passo in Honda per me è come una vittoria. Dobbiamo lavorare sul ritmo gara, puntare a pole e 1° posto è quasi impossibile". Nessuna paura, però: "Sono un guerriero"

GP FRANCIA, L'ORDINE DI ARRIVO

LA CLASSIFICA, MARQUEZ ALLUNGA

IL CALENDARIO: PROSSIMA TAPPA MUGELLO

TUTTI I VIDEO DELLA MOTOGP

Pilota statisticamente da battere sul circuito di Le Mans (5 vittorie dal 2009 al 2016), Jorge Lorenzo arriva in uno dei suoi circuiti preferiti con 11 punti dopo 4 GP. "Quella con Honda è una sfida difficile, la strada è ancora lunga. Ogni piccolo  passo per me è come una vittoria", ammette lo spagnolo. "A Jerez abbiamo fatto dei progressi, soprattutto nei test, ma è quasi impossibile pensare di poter fare pole e vittoria. Dobbiamo cercare di riuscire a mantenere un buon ritmo nelle libere e in gara, questo deve essere l'obiettivo", spiega il compagno di squadra di Marquez. Lorenzo non è di certo spaventato dalle difficoltà: "Sono un guerriero, penso ogni giorno a come risolvere i tanti problemi".

"Mi serve più tempo"

"Il mio adattamento alla moto è più complicato di quanto avessimo immaginato", aggiunge a MotoGP.com Lorenzo, "Ho bisogno di più tempo. Lo stile di guida di una Ducati per me era molto più naturale rispetto a questo in Honda. In particolare, la mia moto monta un pezzo che non ha nessun altro pilota Honda, e la cosa peggiore per me è che perdo molto in percorrenza di curva come velocità. Sono nella stessa situazione di Zarco, all'esordio in MotoGP davanti a tutti e adesso nelle retrovie. Non ci resta altro che fare molti chilometri e provare nuove soluzioni durante i test".

I più letti