Inaugurato il museo Agostini: "Chiamatelo sala trofei"

MotoGp
©Getty

A Bergamo Giacomo Agostini svela i suoi tesori: "Dai caschi alle moto, passando per coppe e riconoscimenti, c'è tutta la mia storia"

 15 Mondiali, 123 Gran Premi, 18 titoli italiani, 10 Tourist Trophy: è il numero di trofei che è riuscito a mettere in bacheca nella sua carriera uno dei miti del motociclismo, Giacomo Agostini. Da oggi sarà possibile goderseli dal vivo: a Bergamo è stato inauguato il Museo di "Ago". Anzi, il padrone di casa ci tiene a fare una precisazione: "Preferisco chiamarlo sala trofei, non museo... Avevo lasciato in una stanza coppe, riconoscimenti, occhiali, caschi, tutto ciò che avevo vinto, tutto ammucchiato. Ho deciso di mettere ordine e dopo 7 mesi ho completato il lavoro, come vedete".

Si tratta di una struttura privata, per visitarla bisogna contattare Villa Vittoria (Bergamo) e iscriversi a un pacchetto in cui è compresa anche la cena con il campione.

Agostini museo
Agostini museo

Dal passato al presente, una battuta su Marquez: "Vince perchè è lui, non deve dimostrare niente. Lasciare la Honda? E' trattato con i guanti bianchi e il tappeto rosso, non vedo perchè debba passare a un altro team. Io l'avevo fatto perchè il motore a 4 tempi era ormai agli sgoccioli, stava avanzando quello a 2 tempi, ho deciso di cambiare per cercare di vincere ancora. E ho fatto bene, perchè ci sono riuscito...". Impossibile, invece, correre con il fratello come hanno deciso di fare Alex e Marc: "Avevo paura, pensavo alla mamma, gli ho detto di cambiar mestiere, altrimenti l'avrei fatto io: non riuscivo a gareggiare con lui".

Agostini museo

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.