Addio a Roberto Marchesini, maestro dei cerchi

Il ricordo
Paolo Beltramo

Paolo Beltramo

roberto-marchesini-ok

Ci ha lasciati Roberto Marchesini, l'uomo che perfezionò la ruota delle moto da corsa fino a diventarne sinonimo

Un uomo simpatico, divertente, ironico, geniale, intelligente, sensibile, generoso e molte altre qualità che in questo momento non mi vengono in mente. Ho molti ricordi suoi, uno bellissimo di quando mi fece visitare la sua fabbrica vicino a Varese dove venivano prodotti cerchi racing in magnesio con la tecnica della colata in uno stampo in sabbia a perdere. Il crogiolo era di 100 kg e di cerchi grezzi ne uscivano 3. Come dire che da 33 kg uscivano gioielli di 2.8/3 kg. Il resto veniva tolto da macchine a controllo numerico. La colata del magnesio non la dimenticheró mai: fuoco trasparente, roba da rimanere a bocca aperta ore e ore a guardarla. Naturalmente usava il magnesio migliore. Non quello ricavato dal mare, ma quello delle Dolomiti.

 

Con lui e un mio amico liutaio abbiamo fatto (l'idea era mia) un corpo di chitarra elettrica in magnesio. 7 esemplari, uno per me. Ecco, di lui ricordo le due figlie bellissime e matte come lui. La moglie dolce e simpatica scomparsa troppo presto, la figlia adottiva. Ricordo anche le volte che ci siamo visti. Troppo poche, adesso lo so. Purtroppo spesso funziona così: rimandi, dai per scontato. Poi succede e resti attonito e pentito nel tuo dolore.

 

Ciao Roberto. Un abbraccio e un sorriso...

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.