Please select your default edition
Your default site has been set

NBA Finals, i Golden State Warriors vincono il titolo 2017

NBA

I Golden State Warriors vincono 129-120 gara-5 e conquistano così il quinto titolo NBA della loro storia ai danni dei Cleveland Cavaliers, battuti nonostante i 41 punti di LeBron James. Decisiva la prestazione da 39 punti con 14/20 al tiro di Kevin Durant

I Golden State Warriors, dopo aver mancato l’appuntamento storico con il 16-0 in gara-4, sono pronti a vendicarsi contro i Cleveland Cavaliers alla Oracle Arena e soprattutto a prendersi ciò che conta per davvero: il titolo NBA. Il resto ha ovviamente un’importanza relativa, come sottolineato giustamente più volte nelle ultime ore da Draymond Green e compagni. I campioni in carica per forzare gara-5 infatti hanno dovuto estrarre dal cilindro una prestazione già entrata nei libri di storia del gioco, realizzando 49 punti nel primo quarto e 86 nel primo tempo (entrambi record per le Finals). Una performance difficilmente replicabile, come sottolineato anche da coach Tyronn Lue che a tal proposito spera di rivedere nei suoi la grinta e la voglia di dare battaglia mostrato a Cleveland: con quella i Cavs sanno di non essere secondi a nessuno. Dall’altra parte invece coach Kerr chiede ai suoi una reazione nel primo momento di difficoltà di una post-season fino a oggi scivolata via sul velluto, grazie a un Kevin Durant in stato di grazia (35 punti per lui anche in gara-4 nonostante la sconfitta), sperando di ritrovare già da stanotte la mira di Steph Curry e Klay Thompson (nell’ultimo match soltanto 1/11 nei tiri non contestati per gli Splash Brothers). Cleveland scommetterà anche sulla cabala: anche lo scorso anno la serie torno a Oakland sul 3-1 in favore dei padroni di casa e sappiamo tutti come andò a finire…

Primo quarto

È Golden State a prendersi il primo vantaggio della gara sul 9-4 dopo una tripla di Klay Thompson che sfrutta il grande lavoro di Zaza Pachulia a rimbalzo offensivo (già 3 dopo sei minut, mentre sono 2 i falli per Kevin Love). Ma da lì in poi i Cavs rispondono con un 9-0 di parziale propiziato da Smith, James e Irving che costringono coach Kerr al timeout a seguito di due palle perse sanguinose. LeBron James si inventa altri 5 punti e porta i suoi sul 20-12, ma Durant (8) e Curry (6) ricuciono lo strappo fino a -2 con il quintetto piccolo. La partita si sporca per le tante palle perse (sei per parte) e i falli (16 in tutto), ma Cleveland vince una mini-battaglia aumentando il vantaggio nei minuti di riposo di James e chiudendo il primo quarto sul +4, 37-33. Dodici punti a testa per James e Irving, così come sono 12 quelli di Curry e 8 quelli di Durant.

Secondo quarto

Ripartono di nuovo forte i Cavs sulle ali di LeBron James, che schiaccia in testa a Kevin Durant il 41-33 e costringe Kerr al timeout. Risponde immediatamente la panchina di Golden State, con 4 punti di David West e una schiacciata in contropiede di Andre Iguodala per riportarsi a -2 nonostante le brutte percentuali (13/36 dal campo e 2/11 da tre). Due fiammate di Kevin Durant riportano davanti Golden State sul 45 a 43 a metà quarto: sono già 14 i suoi punti, a cui risponde subito Curry salendo a 15 con la tripla che li porta a +5. Il parzialone degli Warriors si amplia fino al +11 dopo il 2+1 di Curry: è 21-2 dopo la schiacciata di James per aprire il quarto. Una tripla di J.R. Smith ferma l'emorragia per un attimo, ma Durant spinge il vantaggio sul +15 sfruttando l'assist di Curry. La partita si accende dopo uno scontro tra David West (+19 di plus-minus per lui) e Kyrie Irving che coinvolge anche Tristan Thompson e J.R. Smith: ne risultano un tecnico per West, uno per Thompson e uno per Smith. Golden State continua a macinare punti anche dopo la pausa toccando quota 71 all'intervallo, ma due triple di J.R. Smith (13 punti per lui) tengono i Cavs a -11 alla pausa lunga. 21 punti per LeBron James e 16 per Irving, mentre dall'altra parte Durant (21) e Curry (20) sono gli unici in doppia cifra, ma è Iguodala con 8 punti e una grandissima difesa a tutto tondo a scavare il solco nel secondo quarto (+17 di plus-minus, 19-2 il conto dei punti dalla panchina).

Terzo quarto

Golden State apre subito con una tripla di Klay Thompson per andare a +14, ma Cleveland risponde con un parziale di 14-5 propiziato da JR Smith (4/4 da tre per lui) e LeBron James, che fa la voce grossa a rimbalzo offensivo e costringe Kerr al timeout sul 79-71. I Cavs arrivano anche a -4 dopo un alley-oop tra James e Thompson, ma Durant risponde con una tripla spacca-morale e forza il timeout sul 93-86. Cleveland però non molla grazie alla solita energia di Thompson e con l'ennesima tripla di Smith (19 punti per lui) a fine terzo quarto lo svantaggio è di soli 5 punti, 98 a 93. Irving alterna prodezze a momenti in cui sembra in sofferenza per un ginocchio malconcio.

Quarto quarto

LeBron con una magia si inventa il -3, ma gli isolamenti di Durant continuano a far male alla difesa di Cleveland: la sua spinta di punti e assist (rispettivamente 33 e 4) spingono di nuovo Golden State sul +10, mentre James è costretto a chiedere un riposo dopo aver giocato due quarti senza riposarsi mai. Al rientro i Cavs concedono due canestri sanguinosissimi a Durant e Iguodala con la difesa che salta troppo facilmente, e lo svantaggio è di nuovo di 10 punti. James segna 8 punti veloci ed è a quota 37, ma Durant è inarrestabile e continua a macinare punti, spingendo il vantaggio sul +12 (39 punti con 14/18 al tiro), mentre Curry aggiunge la sua firma e sale a quota 31 pure lui. J.R. Smith prova a scuotere i Cavaliers, ultimo a mollare il match assieme ovviamente a LeBron James, ma Golden State fa canestro letteralmente a ogni possesso e mantiene saldamente la doppia cifra di vantaggio. Alla sirena finale è 129-120 per Golden State, che conquistano così il quinto titolo della loro storia NBA.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche