Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Los Angeles Lakers-Oklahoma City Thunder 100-107: OKC batte i Lakers grazie a super Paul George

NBA

Il n°13 dei Thunder è il protagonista del match: contestato dal pubblico dello Staples Center, risponde realizzando 37 punti e trascinando OKC a un successo combattuto. I Lakers, ancora senza LeBron James, faticano a segnare e incassano il terzo ko nelle ultime quattro

TUTTI GLI HIGHLIGHTS DELLA NOTTE

HAYWARD TRASCINA BOSTON, EMBIID SI ABBATTE SU PHOENIX

I FISCHI DI L.A. A PAUL GEORGE

Los Angeles Lakers-Oklahoma City Thunder 100-107

Era il giocatore più atteso, è stato di gran lunga quello più fischiato e alla fine è risultato come il più decisivo. Paul George chiude con 37 punti e 15/29 al tiro (nonostante il modesto 2/11 dall’arco) la sfida contro i Lakers allo Staples Center; la prima dopo “il gran rifiuto”, dopo aver preferito rinnovare con i Thunder al posto di scegliere i giallo-viola. Una ferita ancora aperta nell’immaginario dei tifosi di Los Angeles, che lo fischiano già nelle prime fasi di riscaldamento, per poi tartassarlo anche durante la presentazione dei quintetti e nei primi possessi della sfida. Il n°13 di OKC si fa scivolare tutto addosso e risponde sul campo, continuando a cavalcare quello che è il suo miglior momento a livello realizzativo in carriera. Nelle ultime dieci partite sono sette quelle oltre quota 30, di cui due con più di 40 punti. George è trascinante e tiene in piedi la baracca, viste le difficoltà realizzative di Russell Westbrook. Il n°0 di OKC chiude sì in tripla doppia, ma fa una fatica tremenda a trovare il fondo della retina: i suoi non sono semplici errori, ma vere e proprie mattonate lanciate contro il ferro avversario. Un disastro la meccanica di tiro, la mira e la resa: per Westbrook sono 14 punti, 16 rimbalzi e 10 assist, ma con 3/20 al tiro e 1/7 dall’arco (quinta peggior percentuale al tiro nella storia NBA per un giocatore che chiude in tripla doppia), con l’ultimo passaggio vincente che porta all’alley-oop per George e chiude definitivamente i conti a un paio di minuti dalla sirena. La gara infatti resta a lungo in equilibrio, senza che nessuna delle due squadre riesca a prendere più di sei punti di vantaggio nei primi 45 minuti di partita. Poi a pesare è il parziale piazzato dai Thunder grazie alla panchina (11-0 a inizio quarto periodo) e soprattutto l’incapacità dei Lakers di trovare il fondo della retina contro un avversario che tira con un misero 38% dal campo. Contro una squadra piena zeppa di assenti, basta anche questo. Oltre a un super Paul George.

L'infortunio di Kyle Kuzma e i problemi ai liberi

Le attenuanti in casa Lakers sono più di una e soltanto la prima porta scritto il nome “LeBron James”. Oltre al n°23 e al lungodegente Rajon Rondo infatti, i padroni di casa perdono strada facendo anche Kyle Kuzma, che lascia il parquet dopo 16 minuti di utilizzo, quattro punti e un solo bersaglio dal campo. Un problema alla schiena che ha costretto coach Walton a fare i salti mortali con una rotazione in cui Josh Hart mette a referto 11 punti e 15 rimbalzi (massimo in carriera) e con Kentavious Caldwell-Pope che riesce a imporsi come miglior realizzatore (25 punti e 5/11 dall’arco), efficace soprattutto a cronometro fermo. Quella dei liberi infatti in casa Lakers sta diventando una vera e propria maledizione, oltre che un problema da risolvere il prima possibile: in una sfida così combattuta, nessuno può permettersi di tirare con il 59% dalla lunetta, chiudendo con un misero 19/32 totale. L’emblema di questa contraddizione è Lonzo Ball, che sbaglia tre liberi in fila quando OKC era a un solo possesso di distanza a tre minuti dal termine. Troppo per il pubblico losangelini, che ha iniziato a mugugnare anche nella sua direzione. Poco dopo è arrivato un 4-0 di parziale tutto firmato Paul George, pesante come un macigno sulle sorti del match. Mentre l'ex-Pacers si avviava in lunetta, il pubblico ha iniziato a cantare: "Non abbiamo bisogno di te", senza credere molto a quelle parole. A gara conclusa infatti c'era qualcuno che guardava con aria sconsolata verso il n°13 di OKC, pensando a quanto avrebbero fatto comodo quei punti. Dei fischi invece, neanche l'ombra.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.