Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, OKC-San Antonio 122-112: il miglior Belinelli della stagione non basta, i Thunder si prendono la rivincita

NBA

Dopo la spettacolare partita al doppio supplementare di due giorni fa, i Thunder si sono vendicati degli Spurs vincendo grazie a un ottimo secondo tempo di Dennis Schröder. Ai texani non basta il massimo stagionale da 24 punti di Marco Belinelli

BLAKE GRIFFIN, 44 PUNTI DA EX: CLIPPERS BATTUTI, 23 PER GALLINARI

RISULTATI DELLA NOTTE: TOWNS EGUAGLIA E BATTE DAVIS, PERDONO DENVER E BOSTON

TUTTI GLI HIGHLIGHTS DELLA NOTTE

NBA LONDON GAME 2019, LA PARTITA IN STREAMING SU SKYSPORT.IT

Questa volta non ci sono stati i fuochi d’artificio, i massimi in carriera e il doppio supplementare della sfida precedente. Se non ci fosse stata la partita assurda di due giorni fa, la gara tra Oklahoma City Thunder e San Antonio Spurs sarebbe stata solo una partita di regular season tra le tante. Ma dopo quello che è successo in Texas, era chiaro che i Thunder avevano una motivazione ulteriore per vincere questa gara, interrompendo una striscia di tre sconfitte in fila che stava cominciando a farsi preoccupante. Per riuscirci si sono affidati a Dennis Schröder, assoluto mattatore nel secondo tempo della sfida agli Spurs: dopo aver chiuso il primo tempo sotto di 9, OKC ha rimontato e vinto grazie a un terzo quarto da 35-20 propiziato proprio dal tedesco, che ha segnato tutti i suoi 19 punti di serata nella ripresa tirando 8/13 dopo lo 0/4 della prima frazione. Tanto che anche coach Gregg Popovich ha dovuto alzare bandiera bianca: “Schröder ci ha fatto a pezzi, arrivando al ferro e segnando. La difesa ci ha lasciato un po’ per strada”. Russell Westbrook e Paul George hanno poi fatto il resto pur dovendo fare i conti con una difficile serata al tiro per entrambi: il primo ha chiuso a tre assist dalla solita tripla doppia chiudendo con 24 punti, 10 rimbalzi e 7 assist ma anche con 9/24 al tiro; il secondo invece ne ha messi 18 con 11 rimbalzi, segnando però solo 5 dei 17 tiri tentati dal campo. Insieme ad altri quattro giocatori in doppia cifra, OKC è però riuscita a fare la differenza in difesa, imparando dalla lezione precedente e raddoppiando continuamente LaMarcus Aldridge, tenendolo a soli 17 punti dopo i 56 della sfida di giovedì notte.

Il miglior Beli dell’anno: 24 punti con 8/10 al tiro

Ad approfittare delle attenzioni riservate al numero 12 è stato soprattutto Marco Belinelli, che dopo il 5/5 dall’arco di due giorni fa si è ripetuto con un’altra ottima prestazione al tiro. L’italiano ha segnato 8 dei 10 tiri tentati con 4/6 dalla lunga distanza per 24 punti complessivi, che rappresentano il suo massimo stagionale nonché la prima escursione sopra i 20 punti da quando è tornato a San Antonio. Peraltro ci è riuscito in soli 22 minuti uscendo dalla panchina, il migliore dei suoi con i soli DeMar DeRozan (18) e Bryn Forbes (14) ad accompagnarlo in doppia cifra oltre a Aldridge. “Il terzo quarto è stato difficile per noi” ha commentato coach Popovich dopo la partita. “Lì è dove ci siamo cacciati nei guai. Avevamo giocato un ottimo primo tempo in trasferta dopo una partita dispendiosa: ero molto contento dell’impegno e dell’approccio mentale alla partita all’inizio”. Evidentemente non è stato più così, anche se la sconfitta era in qualche modo preventivabile e non ha grandi effetti sulla classifica dei neroargento, che rimangono al settimo posto a Ovest a due partite di distanza dal terzo occupato proprio da OKC.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.