Please select your default edition
Your default site has been set for 7 days

NBA, OKC-San Antonio 122-112: il miglior Belinelli della stagione non basta, i Thunder si prendono la rivincita

NBA

Dopo la spettacolare partita al doppio supplementare di due giorni fa, i Thunder si sono vendicati degli Spurs vincendo grazie a un ottimo secondo tempo di Dennis Schröder. Ai texani non basta il massimo stagionale da 24 punti di Marco Belinelli

BLAKE GRIFFIN, 44 PUNTI DA EX: CLIPPERS BATTUTI, 23 PER GALLINARI

RISULTATI DELLA NOTTE: TOWNS EGUAGLIA E BATTE DAVIS, PERDONO DENVER E BOSTON

TUTTI GLI HIGHLIGHTS DELLA NOTTE

NBA LONDON GAME 2019, LA PARTITA IN STREAMING SU SKYSPORT.IT

Questa volta non ci sono stati i fuochi d’artificio, i massimi in carriera e il doppio supplementare della sfida precedente. Se non ci fosse stata la partita assurda di due giorni fa, la gara tra Oklahoma City Thunder e San Antonio Spurs sarebbe stata solo una partita di regular season tra le tante. Ma dopo quello che è successo in Texas, era chiaro che i Thunder avevano una motivazione ulteriore per vincere questa gara, interrompendo una striscia di tre sconfitte in fila che stava cominciando a farsi preoccupante. Per riuscirci si sono affidati a Dennis Schröder, assoluto mattatore nel secondo tempo della sfida agli Spurs: dopo aver chiuso il primo tempo sotto di 9, OKC ha rimontato e vinto grazie a un terzo quarto da 35-20 propiziato proprio dal tedesco, che ha segnato tutti i suoi 19 punti di serata nella ripresa tirando 8/13 dopo lo 0/4 della prima frazione. Tanto che anche coach Gregg Popovich ha dovuto alzare bandiera bianca: “Schröder ci ha fatto a pezzi, arrivando al ferro e segnando. La difesa ci ha lasciato un po’ per strada”. Russell Westbrook e Paul George hanno poi fatto il resto pur dovendo fare i conti con una difficile serata al tiro per entrambi: il primo ha chiuso a tre assist dalla solita tripla doppia chiudendo con 24 punti, 10 rimbalzi e 7 assist ma anche con 9/24 al tiro; il secondo invece ne ha messi 18 con 11 rimbalzi, segnando però solo 5 dei 17 tiri tentati dal campo. Insieme ad altri quattro giocatori in doppia cifra, OKC è però riuscita a fare la differenza in difesa, imparando dalla lezione precedente e raddoppiando continuamente LaMarcus Aldridge, tenendolo a soli 17 punti dopo i 56 della sfida di giovedì notte.

Il miglior Beli dell’anno: 24 punti con 8/10 al tiro

Ad approfittare delle attenzioni riservate al numero 12 è stato soprattutto Marco Belinelli, che dopo il 5/5 dall’arco di due giorni fa si è ripetuto con un’altra ottima prestazione al tiro. L’italiano ha segnato 8 dei 10 tiri tentati con 4/6 dalla lunga distanza per 24 punti complessivi, che rappresentano il suo massimo stagionale nonché la prima escursione sopra i 20 punti da quando è tornato a San Antonio. Peraltro ci è riuscito in soli 22 minuti uscendo dalla panchina, il migliore dei suoi con i soli DeMar DeRozan (18) e Bryn Forbes (14) ad accompagnarlo in doppia cifra oltre a Aldridge. “Il terzo quarto è stato difficile per noi” ha commentato coach Popovich dopo la partita. “Lì è dove ci siamo cacciati nei guai. Avevamo giocato un ottimo primo tempo in trasferta dopo una partita dispendiosa: ero molto contento dell’impegno e dell’approccio mentale alla partita all’inizio”. Evidentemente non è stato più così, anche se la sconfitta era in qualche modo preventivabile e non ha grandi effetti sulla classifica dei neroargento, che rimangono al settimo posto a Ovest a due partite di distanza dal terzo occupato proprio da OKC.

I più letti