Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Gallinari: "Bravi loro in difesa, mi tolgono ogni spazio: l'attacco deve migliorare"

NBA

Per la seconda gara consecutiva l'azzurro chiude con percentuali scadenti (5/20 al tiro, con 1/5 da tre punti). Pur riconoscendo i meriti alla difesa di Golden State, Gallinari non perde le speranze: "Sono una squadra che concede dei parziali: dobbiamo sfruttarli"

VIDEO. GUARDA L'INTERVISTA COMPLETA

ALTRO KO INTERNO CLIPPERS: GOLDEN STATE FA 3-1

LOS ANGELES - È un Danilo Gallinari che prova a vedere il bicchiere comunque mezzo pieno anche dopo la seconda sconfitta interna contro Golden State, che condanna i suoi Clippers sul baratro dell’eliminazione, da evitare – sotto 3-1 – già in gara-5 alla Oracle Arena. “Abbiamo cambiato un po’ il nostro piano partita – dice riferendosi alla quarta gara, persa dai Clippers 113-105 – partendo con me e JaMychal Green da 4 e 5, per cambiare di più sui blocchi e provare a fermare i loro tiratori. Difensivamente è andata meglio, ma è in attacco che abbiamo tenuto percentuali troppo basse [il 42.5% dal campo, pur sfiorando il 42% da tre punti con 13/31, ndr]. In generale in tutta la serie è sempre stato più il nostro attacco che la nostra difesa a far fatica, perché segnare così poco contro di loro rende poi difficile provare a vincere”. Tra i responsabili delle basse percentuali di casa Clippers, sicuramente anche l’azzurro, che per la seconda partita in fila tira male sia dal campo che da tre punti [5/20 con 1/5 dall’arco in gara-4, dopo il 2/13 con 0/8 da tre della terza partita, ndr]: “Fisicamente sto bene, ma devo riconoscere che la loro difesa sta facendo un ottimo lavoro su di me. Ogni volta che ho la palla in mano loro riescono a togliermi il tiro da fuori ma allo stesso tempo sono bravi a collassare in area e così quando metto la palla per terra ci sono sempre due-tre uomini pronti ad aiutare per cui è difficile trovare spazi”. Eppure i Clippers sono riusciti a restare in partita sostanzialmente fino alla fine, nonostante un mostruoso primo tempo di Klay Thompson e un analogo secondo tempo di Kevin Durant: “Contro di loro è importante restare concentrati per 48 minuti perché gli Warriors sono una squadra che nell’arco di una gara ti permette dei parziali, tanto è vero che ne abbiamo avuti un paio anche stasera. Purtroppo però non siamo riusciti a vincere la partita”. Dopo aver strappato una partita a Oakland, i due ko in casa mettono L.A. spalle al muro, ma forte anche del ricordo di gara-2 Gallinari cerca di mantenere un approccio positivo: “Vogliamo riportare la serie a Los Angeles, non abbiamo alternative, dobbiamo vincere: non vediamo l’ora di scendere in campo”.

[Intervista di Zeno Pisani  | video di Sheyla Ornelas]

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.