Playoff NBA, scintille Drake-figlia del proprietario dei Bucks con la maglia Pusha T

NBA

Non accenna a fermarsi la faida tra il rapper e la franchigia del Wisconsin: in occasione di gara-5 la figlia del proprietario Mallory Edens ha indossato una maglia di Pusha T, grande rivale del canadese. Il quale, dopo la vittoria dei suoi Raptors, ha messo la foto della ragazza sul proprio account Instagram, prendendola in giro nelle Stories

COLPO TORONTO: VINCE A MILWAUKEE E VA 3-2

Non è una vera serie di playoff NBA se la rivalità tra le due squadre non si estende anche al di fuori del campo. E nell’era dei social network, è inevitabile che la “faida” tra le franchigie si giochi soprattutto a suon di frecciatine e storie Instragram. Nel caso dei Milwaukee Bucks e dei Toronto Raptors, al centro di tutto c’è la figura del rapper Drake, che già nelle due partite in Canada si era reso protagonista di momenti di scherno nei confronti degli avversari e di comportamenti un po’ sopra le righe con i componenti della sua squadra del cuore. Le sue sceneggiate non sono andate per niente giù né a coach Mike Budenholzer (a cui poi il rapper ha risposto via Instagram) né ai tifosi dei Bucks, che in occasione di gara-5 hanno tirato fuori il meglio del loro repertorio, tappezzando i dintorni del palazzetto di cartelloni e immagini contro Drake. Il volto di questa sommossa anti-Drake (che ha portato le radio cittadine a non diffondere più le sue canzoni fino al termine della serie) è senza dubbio quello di Mallory Edens, figlia del proprietario dei Bucks Wes Edens. Seduta al fianco del quarterback dei Green Bay Packers Aaron Rodgers, è stato inevitabile notare la sua maglia bianca con il volto del rapper Pusha T in primo piano. Per chi conosce un minimo il mondo dell’hip hop, il messaggio è immediato: Drake e Pusha T hanno da anni una faida che li ha visti insultarsi in tantissime canzoni con accuse sempre più pesanti.

La risposta di Drake su Instagram

Solo che poi i Toronto Raptors hanno vinto gara-5 portandosi sul 3-2 nella serie, e la risposta di Drake non si è fatta attendere: dopo aver seguito la partita al “Jurassic Park” di Toronto (la piazza antistante la Scotiabank Arena dove si radunano i tifosi dei Raptors), il rapper ha immediatamente cambiato la sua immagine su Instagram mettendo una foto della Edens. E non si è fermato lì: nelle sue Instagram Stories prima ha commentato con una sonora risata la maglia di un tifoso dei Bucks che aveva sostituito il cervo con una faccia di Drake che piangeva; poi ha condiviso la foto della Edens con la maglia di Pusha T e ha scritto: “In guerra tutto è permesso, ma fidati: ti farò comunque avere i biglietti per l’OVO Fest”, facendo riferimento al festival musicale che tiene ogni anno a Toronto. In Ontario nel frattempo arriveranno le finali di conference, con i Raptors che avranno la possibilità di chiudere la serie tra le mura amiche e volare alle prime finali NBA della loro storia: ancor prima di Drake, entrambe le squadre dovranno concentrarsi soprattutto sulla partita della notte tra sabato e domenica. Ma c’è da scommettere che la faida si concluderà solamente dopo quella sfida.

I più letti