Please select your default edition
Your default site has been set

Finals NBA: DeMarcus Cousins, l'uomo in più in attacco e in difesa per Golden State

NBA

Titolare per la prima volta in carriera alle finali NBA, il n°0 degli Warriors è risultato decisivo come passatore e a protezione del ferro: "Doveva giocare al massimo 20 minuti, poi sono diventati 28... È stato fantastico. Avevamo bisogno del suo contributo per vincere"

GOLDEN STATE, CHE VITTORIA IN GARA-2!

WARRIORS, PESSIME NOTIZIE: INFORTUNIO PER KLAY THOMPSON

BARACK OBAMA PRESENTE A BORDO CAMPO: LE FOTO

DRAKE E IL MESSAGGIO SULLA FELPA PER KEVIN DURANT

Dalla stagione che sembrava finita dopo l’infortunio in gara-2 contro i Clippers, al recupero possibile in caso di finali NBA, fino alla disponibilità nel momento in cui c’era da affrontare i Raptors in gara-1. Un esperimento malriuscito nella sfida d’esordio contro i canadesi, come molte cose che non hanno funzionato in casa Golden State. Ma DeMarcus Cousins sapeva che la sua vera occasione sarebbe arrivata prima o poi. Come successo puntualmente questa notte in gara-2, titolare un po’ a sorpresa in una partita cruciale per i destini degli Warriors: in quintetto al posto del disastroso Jordan Bell che dopo il pessimo esordio è rimasto seduto a guardare i compagni per 47 minuti e 50 secondi (entrato soltanto per qualche istante, di cui in pochissimi si ricorderanno). Ci pensa Cousins a farne le veci, partendo a razzo sin dalla palla a due, commettendo subito un fallo, poi un altro e in generale giocando con un’aggressività dettata dall’ansia da prestazione più che dalle esigenze di Golden State. È nel secondo tempo però che i bi-campioni in carica cambiano marcia in maniera corale, ingranano e iniziano a fare sul serio, ribaltando un match grazie alle loro doti migliori: la circolazione di palla, gli assist (ben 34 su 38 canestri alla sirena finale), la condivisione delle responsabilità e una pallacanestro corale nella quale l’ex Kings riesce a calarsi senza problemi. “Abbiamo programmato la partita convinti del fatto che DeMarcus potesse darci 20 minuti con una buona intensità – racconta coach Kerr nel post-partita - Alla fine sono stati 28, il suo contributo è stato fantastico. Avevamo bisogno di ogni singolo sforzo che è riuscito a garantire sul parquet”. I numeri dopo 48 minuti sono dalla parte di Cousins: 11 punti, dieci rimbalzi, sei assist, due stoppate, il tutto condito con un +12 di plus/minus che è il miglior dato di squadra a fine partita. “Era evidente che fosse molto più a suo agio, in grado di alzare il livello di intensità – sottolinea Steph Curry - Ha messo tantissima pressione sugli avversari in difesa. Un giocatore in grado di fare la cosa giusta al momento giusto. È un enorme passo in avanti per noi, quando abbiamo DeMarcus a disposizione”.

L'infortunio di Looney e la coppia inedita con Bogut sotto canestro

La differenza in favore di Golden State infatti non l’ha fatta l’attacco (a guardare le cifre si vede come i dati siano rimasti sostanzialmente in linea tra le due sfide, dal 43.6% al 46.3% dal campo di squadra e un lieve peggioramento se si guarda alla percentuale dall’arco), ma quanto concesso a Toronto che ha letteralmente inchiodato nel momento in cui si trattava di fare canestro. I Raptors sono passati dal 50.6% al 37.2% complessivo dal campo, con un crollo nel tiro da lontano dal 39.4% al 28.9%. Anche in questo c’ha messo lo zampino (bello grosso) Cousins, rimasto sul parquet più a lungo del previsto a seguito della contusione alla spalla di Kevon Looney subita nel secondo quarto e schierato in alcuni frangenti del match in coppia con Andrew Bogut. Un mix sotto canestro difficilmente ipotizzabile soltanto poche ore prima della palla a due, che tuttavia è risultato funzionale e vincente. L’ex Kings ha dimostrato una volta in più di sapersi adattare, di avere doti di passatore ben al di sopra della media del ruolo – sempre presente sul parquet nelle fasi cruciali della sfida, soprattutto quando gli Warriors hanno piazzato il parziale da 20-0 che ha capovolto le sorti del match. Uno strappo e un margine che non si vedevano in una singola partita delle finali NBA da oltre 40 anni: blackout totale dell’attacco dei Raptors e una sinfonia corale a rispondere puntuale dall’altro lato (tutti i canestri di Golden State del secondo tempo sono stati assistiti). “Quando ho scoperto di essere titolare ero felice: coach Kerr è venuto da me a spiegarmi di cosa aveva bisogno la squadra e io ho provato a fare del mio meglio - racconta il diretto interessato - Se mi avesse chiesto di uscire dalla panchina, non ci sarebbe stato problema. Giocare otto o 40 minuti, poco importa, sarebbe stato grandioso allo stesso modo. Volevo soltanto esserci, dare una mano e risultare utile. Alla fine credo di avercela fatta”.

Hai già aggiunto Sky Sport ai tuoi contatti Whatsapp?

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.