Please select your default edition
Your default site has been set

Finals NBA: Toronto vince l’ultima alla Oracle Arena, i Raptors sono campioni NBA

NBA

I canadesi vincono all’ultimo istante una sfida meravigliosa contro Golden State e conquistano il primo titolo NBA della storia dei Raptors: una partita in cui gli Warriors hanno perso Klay Thompson causa infortunio nel terzo quarto e vinta da Toronto grazie ai 26 punti a testa di Lowry e Siakam e ai 22 di un Kawhi Leonard MVP delle Finals

LEONARD MVP DELLE FINALS

TORONTO, UN PASSO NELLA STORIA

THOMPSON, LA DIAGNOSI È TREMENDA

THOMPSON TORNA IN CAMPO PER TIRARE I LIBERI

Golden State Warriors-Toronto Raptors 110-114

I Toronto Raptors vincono gara-6, battono Golden State in volata nell’ultima partita disputata alla Oracle Arena ed entrano di diritto nella storia della Lega - conquistando il primo titolo della franchigia e al tempo stesso di una squadra canadese in NBA. Un successo meritato, al termine di una battaglia in cui gli Warriors hanno perso altri pezzi per strada; costretti a rinunciare a Klay Thompson nell’ultimo quarto d’ora a causa di un infortunio al ginocchio sinistro che lo ha rallentato nel momento di massimo sforzo da parte dei padroni di casa. Il n°11 di Golden State resta comunque alla sirena finale il miglior realizzatore della partita con i suoi 30 punti, raccolti tirando 8/12 dal campo, 4/6 dall’arco e un perfetto 10/10 a cronometro fermo: gli ultimi due arrivano dopo l’infortunio, quando Thompson nel giro di pochi istanti prima prende la strada degli spogliatoi e per poi tornare sul parquet con un ultimo sforzo che ridà carica a un’arena rimasta ammutolita dopo il suo crollo sul parquet. Una scossa che non basta a tenere in vita gli Warriors alla corde, con la difesa dei Raptors studiata alla perfezione per limitare Steph Curry (21 punti con 6/17 al tiro e tre canestri dalla lunga distanza) e decisa a farsi battere da un Draymond Green in tripla doppia da 11 punti, 19 rimbalzi, 13 assist e tre stoppate (e anche otto palle perse) e da un Andre Iguodala da 22 punti con 9/15 al tiro. Un contributo generoso, che permette a Golden State di restare a galla nonostante la presenza sul parquet di quintetti improbabili, ma non sufficiente per strappare una vittoria che avrebbe allungato la serie. Merito di un Kyle Lowry fenomenale, che segna i primi 11 punti dei Raptors, traccia la strada e guida i canadesi al successo più importante della loro storia chiudendo con 26 punti, dieci assist, sette rimbalzi, quattro triple, +16 di plus/minus e una quantità di giocate fondamentali su entrambi i lati del parquet. Al suo fianco il solito Kawhi Leonard, autore di 22 punti in 41 minuti e giustamente premiato come MVP di una finale che gli ha regalato il secondo titolo della sua carriera.

Le triple del destino di VanVleet, i canestri pesanti di Ibaka

Sono tanti i volti del successo dei Raptors, a partire da quello di Fred VanVleet; protagonista anche questa volta con tre canestri dalla lunga distanza nel quarto periodo a coronamento di una partita da 22 punti complessivi e 5/11 dalll’arco in 34 minuti di difesa asfissiante su Curry. Non solo lui prezioso in uscita dalla panchina, ma anche  Serge Ibaka: 22 minuti con 15 punti e 7/12 al tiro, tre rimbalzi e tanta intensità sotto canestro nei momenti decisivi. È l’impatto nel pitturato dell’ex giocatore dei Thunder a permettere a Toronto di rimettere in equilibrio il conto dei punti in area, fortemente a favore degli Warriors a inizio partita. Poi nel finale a spuntarla è la squadra che è riuscita a commettere un errore in meno: Siakam – altro grande volto del successo Raptors e autore di 26 punti – segna un canestro dal palleggio senza coscienza a 26.5 secondi dalla sirena. Qualche istante più tardi è lui stesso a commettere fallo su Curry, mandato in lunetta a riportare Golden State a una sola lunghezza di svantaggio. A quel punto però mancano soltanto 18 secondi: gli Warriors dovrebbero commettere fallo, invece provano a difendere e forzano la palla persa di Danny Green che può costare molto cara ai Raptors. Golden State infatti riesce a costruire – in maniera rocambolasca – un tiro discreto dall’arco per Curry che porta a otto il numero di tentativi decisivi sbagliati ai playoff nei finali di gara. L’appuntamento con il primo bersaglio pesante nella post-season è rimandato, così come quello con il titolo che passa meritatamente nelle mani di Toronto.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche