Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Brooklyn Nets, riecco Kyrie Irving: torna in campo questa notte contro Atlanta

NBA
©Getty

Il n°11 di Brooklyn, fuori da due mesi a causa di un infortunio alla spalla destra, ha finalmente recuperato ed è pronto a rientrare sul parquet: un test per valutare la sua condizione e capire se il problema è stato definitivamente superato

Ci siamo, il momento atteso per due mesi dai tifosi dei Brooklyn Nets (e non solo) è finalmente arrivato: Kyrie Irving è pronto a tornare in campo dopo aver recuperato dall’infortunio alla spalla destra che lo ha tenuto fuori dalla scorsa metà di novembre. Dopo essere ritornato a prendere parte in allenamento anche alle sessioni di 5 vs. 5, ESPN ha reso noto che il n°11 dei Nets tornerà a disposizione di Brooklyn nella sfida di questa notte contro gli Atlanta Hawks. Nelle 26 partite giocate senza Irving, la squadra newyorchese ha raccolto il 50% esatto di successi (13-13), dimostrando però nelle ultime due settimane di essere a corto di energie e risorse. Un gruppo spesso battuto da franchigie con record positivo (4-8 con squadra sopra il 50%), ma abile a raccogliere la maggior parte dei successi che non bisognava lasciarsi sfuggire (9-5 contro chi ha incassato più sconfitte che vittorie). L’ultima volta che si era presentato ai microfoni, l’ex All-Star dei Cavaliers era stato chiaro: “Mi concedo una settimana al massimo, poi voglio testare la mia condizione sul parquet”, stufo di dover assistere impotente alle prestazioni dei suoi compagni. Dopo aver osservato un lungo periodo di assoluto riposo, Irving è riuscito dopo Natale a bruciare le tappe del recupero grazie a un’infiltrazione di antidolorifico che gli ha permesso di mettere da parte il dolore per qualche settimane. Un’iniezione che per ora ha scongiurato il rischio immediato di operazione, ma che non ha risolto del tutto l’infiammazione alla spalla: un problema quantomeno secondario al momento, visto che il primo e unico pensiero dei Nets è quello di riaverlo abile e arruolabile in campo. Al resto ci si penserà con il tempo, a partire dal dolore e dalle difficoltà che Irving potrebbe incontrare sul parquet.

NBA: SCELTI PER TE