Please select your default edition
Your default site has been set

Coronavirus, Jason Collins positivo: “Contagiato alla gara dei Nets"

coronavirus
©Getty
KISSIMMEE, FL - AUGUST 04: Former NBA player, Jason Collins speaks to the kids during the Jr. NBA Global Championships - Tip Off Ceremony in Orlando, Florida at the HP Field House on August 4, 2019. NOTE TO USER: User expressly acknowledges and agrees that, by downloading and/or using this photograph, user is consenting to the terms and conditions of the Getty Images License Agreement. Mandatory Copyright Notice: Copyright 2019 NBAE (Photo by Gary Bassing/NBAE via Getty Images)

L’ex giocatore NBA ha confermato via social di essere risultato positivo al test e di avere il sospetto di aver contratto il virus durante una trasferta a New York a inizio per la una serata celebrativa organizzata da Brooklyn

CORONAVIRUS, GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA

Otto delle 13 stagioni in NBA le ha trascorse con i Nets ed è inevitabile (e piacevole) per Jason Collins prendere parte a tutte le celebrazioni organizzate da Brooklyn, come quella dello scorso 4 marzo in cui si celebrava “l’orgoglio” di appartenere alla franchigia di Brooklyn. Una trasferta durante la quale, stando alla ricostruzione fatta dal diretto interessato sui social, Collins è stato contagiato e ha contratto il coronavirus: “Sono risultato positivo al tampone - ha raccontato su Twitter - credo proprio di essere venuto a contatto con il virus durante la serata organizzata dai Nets a inizio mese. Ho iniziato ad avere i primi sintomi lo scorso 11 marzo: un mal di testa terribile, seguito poi nel giro di pochi giorni dalla febbre e poi dalla tosse. A quel punto ho deciso di recarmi in ospedale, di fare il test e di parlare con alcuni dottori della pesante stanchezza che mi sentivo addosso. Sono a casa in questo momento a riposo e non ho ancora recuperato, mi sento stanco e probabilmente potrei tornare in ospedale più tardi stesso oggi. Al controllo di sabato i miei polmoni erano liberi, una notizia ovviamente positiva”. Un’esperienza che dunque è l’ennesima conferma di quanto sia diffuso il contagio anche negli Stati Uniti, a prescindere dall’idea che i Brooklyn Nets possano rappresentare un focolaio - visti i quattro casi accertati all’interno del roster, a partire da Kevin Durant.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche