Please select your default edition
Your default site has been set

Mercato NBA, gli Washington Wizards ripartono da zero: via anche Bradley Beal

WASHINGTON
©Getty

Secondo quanto riportato da Bleacher Report, i capitolini potrebbero decidere di sacrificare il loro asset migliore per provare a garantirsi una prospettiva futura migliore - e dei giovani di primo livello - per rilanciare le ambizioni di un gruppo bloccato in una mediocrità che in NBA è sempre sinonimo di sconfitta

CORONAVIRUS, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

In questo periodo in cui tutto è fermo e la pallacanestro giocata è un lontano ricordo, a farla da padrone è inevitabilmente il mercato - soprattutto per chi ha molto lavoro da fare e tante cose da sistemare. A Washington la capacità della franchigia di incassare sconfitte dignitose è diventata quasi un marchio di cui chiedere il copyright. Il copione più frequente delle ultime settimane di regular season è stato: “Bradley Beal ne segna 50, ma non bastano agli Wizards per battere…”. Un assunto che porterebbe in molti a ritenere “gli altri” (e non il mancato All-Star) il cuore del problema, ma a Washington potrebbero invertire gli addendi di un’operazione non commutativa - cambiando dunque il risultato e decidendo contro ogni logica di rinunciare proprio a Beal. Il fattore scatenante di questa decisione in realtà ha un fondamento logico con cui è complicato essere in disaccordo: Washington non crede di essere in grado nel breve periodo di costruire attorno a lui una squadra che meriti la sua fiducia, che lo porti a proseguire la sua esperienza agli Wizards una volta che il suo contratto andrà a scadere. Adesso invece sono i capitolini ad avere il coltello dalla parte del manico, consapevoli di poter ottenere asset, scelte e spazio salariale dalla cessione di un giocatore che fa gola a molte contender. Questa estate ci saranno pochi free agent di primo livello e allora gli Wizards potrebbero recitare da protagonisti e cercare di massimizzare la cessione di un All-Star fatto e finito come Beal, anche se la domanda resta: scegliere, rifondare e scovare talenti porterà Washington a trovare qualcuno migliore di un talento come il n°3? Il dubbio, soprattutto nel breve e medio periodo, resta fondato.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche