Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Victor Oladipo: "Dwyane Wade la mia ispirazione: voglio diventare una leggenda"

NBA
©Getty

Al sito "The Athletic" la guardia dei Pacers racconta la voglia di tornare in campo e l'ispirazione ricevuta dal guardare "The Last Dance": "Impareggiabili l'etica del lavoro di Jordan e di Kobe, ma è stato Wade a farmi credere di poter diventare un giocatore NBA"

CORONAVIRUS, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA

Tra le squadre che vogliono tornare in campo e giocarsi i playoff ci sono anche gli Indiana Pacers di Victor Oladipo, quinti a Est al momento dello stop, stesso record (ma vantaggio nell’assegnazione della testa di serie) dei Philadelphia 76ers e Miami Heat nel mirino per il quarto posto. Pacers che sono guidati dal loro All-Star, solo che il loro All-Star non è (più) Victor Oladipo — alla partita delle stelle nel 2018 e nel 2019 — bensì Domantas Sabonis. Il motivo è semplice: Oladipo ha dovuto saltare 46 partite della stagione 2018-19 e ne ha giocate solo 13 di quella attuale, dopo il lungo recupero dall’infortunio al ginocchio: “Non ero neppure all’80% del giocatore che posso essere — racconta il n°13 dei Pacers — ma l’ultima gara [quella contro Boston, ndr] ho giocato davvero bene”. Le cifre lo confermano: 27 punti in 29 minuti, 5/7 da tre, statistiche da vecchio Oladipo (quello votato giocatore più migliorato della lega nel 2018). “Devo portare a termine il lavoro iniziato — dice il giocatore di Indiana — perché l’infortunio al ginocchio è stato soltanto un ostacolo sulla strada verso la grandezza. Voglio essere ricordato come uno dei più forti di sempre”, dice — e sembra crederci sul serio. “Voglio che il mondo intero si ricordi del mio nome, è per questo che scendo in campo ogni sera. Oggi non sento di avere ancora il rispetto che merito, e va bene, lo capisco, sono stato lontano dai campi più di un anno e ho ancora molto da dimostrare”. Ma Oladipo è determinato a fare in modo che le cose cambino in fretta: “Mi ricordo quando nessuno sapeva chi fossi: è stata quella la spinta che mi ha fatto lavorare più duro di qualsiasi altro, e ancora oggi credo non ci sia un singolo giocatore che lavora più di me in palestra. Perché lo faccio? Perché voglio essere una leggenda”.

“The Last Dance” e l’esempio di tre grandi campioni

Per questo anche Oladipo confessa di aver amato tantissimo rivedere sugli schermi l’epopea sportiva di Michael Jordan: “Poter vedere così nel dettaglio come si costruisce una squadra vincente, un’autentica dinastia ti fa venire soltanto voglia di lavorare ancora più duramente”. E poi confessa: “Sono sempre stato un fan di Michael Jordan, così come di Kobe Bryant, ma il giocatore che mi ha fatto credere di poter eccellere nella NBA — da guardia, nonostante i 195 centimetri — è stato Dwyane Wade, che con un fisico simile al mio è riuscito a essere quello che è stato. Loro tre sono i giocatori a cui mi sono ispirato di più, perché l’etica del lavoro di MJ e di Kobe è impareggiabile. Voglio che sia così anche la mia, per potermi anch’io — un giorno — chiamare campione come loro”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche