Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Fournier attacca Bertans su Twitter, il lèttone risponde: esplode la lite sui social

NBA
©Getty

Alla base del duro scambio di messaggi tra la guardia di Orlando e l'ala di Washington la decisione di quest'ultimo di non tornare in campo alla ripresa del campionato per preservare i suoi interessi in vista di una free agency importante. Una decisione che al francese proprio non va giù

CORONAVIRUS, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI LIVE

Davis Bertans è stato il primo giocatore (poi è arrivato Avery Bradley) ad annunciare di non voler tornare in campo a fine mese nella bolla organizzata dalla lega a Orlando. Le ragioni dietro la sua scelta però — preservare i suoi interessi futuri e poter monetizzare al massimo una promettente free agency alle porte — non sono piaciute a tutti. Alla guardia di Orlando Evan Fournier, ad esempio, che su Twitter ha prima commentato la notizia con un generico “Questo è un esempio di tutto quello che c’è di sbagliato nella NBA di oggi” ma poi ha rincarato la dose con un secondo messaggio affidato sempre alla piattaforma social: “Seriamente: se credi che sia giusto sederti e guardare i tuoi compagni giocatori mentre sei perfettamente in salute allora questo comportamento dice parecchio di te”, frase a cui ha fatto seguire due emoji perplesse. Un’opinione — non richiesta — che non è per nulla andata giù al giocatore lettone di Washington, la cui risposta è arrivata immediata (ovviamente sempre su Twitter): “Se a te non interessano i rischi che si corrono giocando a Orlando, almeno la prossima volta taggami quando decidi di esprimere un’opinione su di me!”. Va anche ricordato che Bertans, prima di arrivare agli Wizards, ha dovuto subire due interventi ai legamenti del ginocchio e un altro grave infortunio potrebbe vanificare il suo futuro NBA: Washington si presenta a Orlando senza il proprio All-Star John Wall e con 5.5 gare di distanza dall'ottavo posto detenuto proprio dagli Orlando Magic di Fournier: un’impresa quasi disperata che ha portato la stessa squadra della capitale ad appoggiare la decisione del proprio n°42.

NBA: SCELTI PER TE