Please select your default edition
Your default site has been set

Finali NBA, Goran Dragic non si dà pace per l’infortunio: “Chiedo a Dio, perché?”

finali nba
©Getty

Il miglior realizzatore degli Heat in questi playoff - almeno prima dell’inizio delle Finals - sta perdendo l’opportunità (della sua vita?) di disputare la serie più importante della stagione da protagonista: “Ho lavorato 12 anni per arrivare a questo punto, mi chiedo perché sia successo proprio a me”

TUTTE LE FINALS NBA IN DIRETTA SU SKY SPORT

Non c’è nessuna indicazione precisa, nessuna tabella che delinei il ritorno sul parquet di Goran Dragic. Il disappunto nella sua voce però è evidente, visto che, nonostante i ripetuti trattamenti al piede infortunato, un possibile rientro in campo nella prossima settimana appare quantomeno complicato: “Per me non è certo la cosa più facile del mondo starmene a bordocampo, a guardare la mia squadra giocare - racconta il diretto interessato - È ovvio che il mio desiderio sia quello di scendere in campo con loro. Passo il tempo a chiedermi, a invocare il Signore che sta lassù e a domandargli: “Perché è dovuto succedere proprio adesso?”. È davvero dura da accettare. Provo a ragionare in questo modo: tutto quello che succede ha una ragione, ha un senso, per questo vedremo come andranno le cose”. Il tempo medio perso dai giocatori che subiscono questo tipo di infortunio è di 13 partite, stando ai dati raccolti da alcuni database NBA. Insomma, complicato immaginare di rivederlo sul parquet a distanza di 5-6 giorni: “Vorrei essere in campo al loro fianco, non è un segreto. È la ragione per cui ho lavorato la mia intera carriera, l’obiettivo che avevo finalmente raggiunto dopo 12 anni di NBA”.

vedi anche

Miami spera ancora: Bam Adebayo ci sarà in gara-4

Difficile quindi trovare anche a livello emotivo il giusto stimolo, riuscire a dare conforto a un giocatore che nel giro di tre giorni ha prima conquistato il più grande obiettivo della sua carriera e poi lo ha visto disgregarsi davanti ai propri occhi. La sua assenza pesa, non poco, sulla serie e coach Spoelstra ha più volte sottolineato come si sia ritrovato a dover vestire i panni del padre che deve consolare il proprio figlio: “Prima di tutto, non posso fare altro che empatizzare con Goran e Bam per quello che stanno attraversando in questi giorni. Posso guardare attraverso i loro occhi e vedere le loro anime sofferenti, si intuisce subito in quello sguardo la voglia di tornare in campo. Non dipende da loro, non dipende da me. È importante che continuino a sentirsi parte del gruppo, a prendere parte alle riunioni e soprattutto a stringersi attorno ai compagni quando c’è da lottare, da dare conforto o spinta a chi sta per scendere in campo. C’è dell’energia che non riesco a spiegare in tutto questo. La speranza è che esista davvero un karma che permetta a loro di avere una spinta in più nel recupero. Vedremo come evolveranno le cose nei prossimi giorni”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche