Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Trae Young provoca New York con le scarpe, ma stavolta finisce malissimo

NBA

Alla sua seconda apparizione stagionale al Madison Square Garden, Trae Young ha provocato i tifosi dei New York Knicks scrivendo "King of Broadway" sulle sue scarpe, ricordando a tutti i celebri playoff del 2021 quando eliminò la squadra della Grande Mela inchinandosi davanti ai tifosi che lo insultavano. Stavolta, però, il risultato è stato opposto, visto che i Knicks hanno distrutto gli Hawks in campo

Trae Young e il Madison Square Garden hanno una storia di odio e sfottò che va avanti ormai da un anno e mezzo, cioè da quando la stella degli Atlanta Hawks ha eliminato i New York Knicks al primo turno dei playoff del 2021. Memore di quella serie nella quale Young è diventato il nemico pubblico numero 1 dei tifosi dei Knicks, l’All-Star questa notte si è presentato alla World’s Most Famous Arena con un messaggio provocatorio sulle sue scarpe blu e arancio (i colori sociali dei Knicks), autoproclamandosi "King of Broadway" con una scritta sul retro in bella vista. I proclami sulle scarpe però si sono presto tramutati in una serataccia per il leader degli Hawks: complice l’infortunio alla caviglia di Dejounte Murray dopo tre minuti e mezzo di gara, andando ad aggiungersi alle assenze di altri due titolari come John Collins e De’Andre Hunter, Young e Atlanta sono crollati di botto, travolti dai 34 punti di Julius Randle e da tutti i padroni di casa, toccando anche il -28 in una gara mai in discussione.

approfondimento

Scoppia il caso Trae Young: si rifiuta di giocare

Per Young — miglior realizzatore di squadra con 19 punti ma con 0/4 da tre, 4 palle perse e -26 di plus-minus in 30 minuti — continua così una settimana cominciata nel peggiore dei modi, con le voci diventate pubbliche del suo scontro in allenamento con coach Nate McMillan (con conseguente rifiuto di scendere in campo contro Denver) e il litigio davanti alle telecamere con un giornalista che gliene chiedeva conto. Il karma lo ha poi punito ulteriormente con la serataccia al Madison Square Garden, infliggendo a lui e agli Hawks la quinta sconfitta nelle ultime sette gare scendendo al quinto posto nella Eastern Conference, superati anche dai Brooklyn Nets.