Wimbledon 2017: Cilic e la sfida contro i due Federer

Tennis

Elena Pero

A poche ore dalla storica finale di Wimbledon (in diretta su Sky Sport 1 dalle 15), Elena Pero racconta come Cilic dovrà riuscire a battere due Federer: il giocatore e il mito

CLICCA QUI PER SEGUIRE LA FINALE FEDERER-CILIC LIVE

La finale di Wimbledon sarà un’impresa disperata per Marin Cilic. Il ragazzo di Medjugorje non dovrà battere uno, ma due rivali, entrambi tremendi: Roger Federer il giocatore e Roger Federer il mito. Il Federer giocatore fa davvero paura, perché anche quando si è concesso qualche piccola pausa, è stato in grado di ricomporsi rapidamente. Roger interpreta il tennis su erba come nessuno è in grado di fare in questo momento. Aiutato da una condizione fisica ben diversa da quella precaria dell’anno scorso, non ha ancora perso un set nel torneo. Il servizio è una garanzia, controlla gli scambi con il serve & volley o con il primo colpo dopo la battuta. Ma è in risposta che sta dimostrando di poter adattare perfettamente anche ai prati la novità tecnica esibita in Australia: l’anticipo di rovescio. Molto reattivo con i piedi e continuo alla risposta, Federer fa partire lo scambio e varia, non offrendo mai una palla uguale all’altra.

 

Mito e avversario

Insomma, comanda quasi sempre lui. Per Cilic sarà difficile ma indispensabile tenere con la battuta lo stesso ritmo avuto fin qui nel torneo, o almeno avvicinarsi il più possibile. Il croato in sei partite ha servito 130 ace e conquistato l’84% di punti con la prima palla. Ma è il Federer mito che spesso è fondamentale per aiutare Roger a vincere le partite. E Cilic ne sa qualcosa. In quarti sul Centre Court l’anno scorso, Marin per tre volte è stato a un punto dal successo, sempre in risposta, e per tre volte non è riuscito a far partire lo scambio, nonostante un paio di secondo palle di Federer. In quei momenti è veramente difficile dimenticare il mito e concentrarsi sull’avversario. Se ci riesci, sei un campione. Cilic a Flushing Meadows nel 2014 aveva dimostrato di esserlo: giocava come un posseduto e in semifinale aveva battuto in maniera inequivocabile lo svizzero. Questo gli sarà d’aiuto. Tra poche ore i due terribili rivali saranno di nuovo di fronte a lui. E Federer avrà alle spalle la gran parte dei 15mila del Centre Court più importante del mondo, senza contare i milioni di appassionati di tennis in giro per il mondo. Coraggio, Marin. Ne avrai davvero bisogno.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche