Ljubicic a Sky: "Federer in ripresa. Futuro? Non ne abbiamo ancora parlato". VIDEO

Tennis

Ospite di Sky Sport, il coach di Roger Federer ha parlato del futuro dello svizzero: "E' in ripresa, sta facendo riabilitazione dopo l'intervento al ginocchio. Non abbiamo ancora parlato del 2021, ma non mi ha mai accennato all'ipotesi del ritiro", ha spiegato Ljubicic

CORONAVIRUS, GLI AGGIORNAMENTI LIVE

Ivan Ljubicic è intervenuto a Sky Sport, toccando diversi temi  in questo periodo in cui il tennis è in stand-by, in attesa di capire come e quando poter ripartire. L'argomento più caldo è ovviamente Roger Federer, di cui è allenatore. Lo svizzero aveva deciso di operarsi al ginocchio poco prima che esplodesse l'emergenza sanitaria Covid-19: "Roger è in fase di ripresa, sta facendo riabilitazione dopo l'intervento chirurgico - ha detto Ljubicic -. Per noi non cambia molto, con tutta la sfortuna che abbiamo avuto con questa situazione, il programma è lo stesso anche se non ci fosse stato il virus. Non abbiamo ancora parlato del 2021, certamente il tempo non si ferma e il prossimo anno avrà 40 anni, ma lui non mi ha ancora accennato su un possibile ritiro". Al momento il tennis è fermo fino a dopo Wimbledon, con una possibile ripresa in estate e un calendario tutto da ridisegnare: "Saranno i Governi dei vari Paesi a dirci quando potremo tornare a viaggiare in giro per il mondo - ha detto l'ex numero 3 del mondo -. Probabilmente quelli con maggiore esperienza sapranno gestire meglio il ritorno in campo, ma in realtà non sappiamo cosa succederà. I giocatori hanno un filo continuo e i risultati in Australia, spesso con molte soprese dopo un mese di stop, lo dimostrano ogni anno". 

Ljubicic: "Vorrei vedere un corpo unico che guida il tennis"

Ljubicic si è detto d'accordo con la proposta lanciata da Federer su Twitter di unire ATP e WTA: "Vorrei vedere un corpo solo che guida il tennis - ha detto -. Un prodotto messo insieme può avere un valore che è più del doppio di quello attuale. Pensiamo anche alle televisioni come Sky, che potrebbero acquistare i diritti per tutti gli Slam e i Masters maschili e femminili. A quel punto la cosa sarebbe davvero molto interessante e anche il valore sarebbe maggiore rispetto ai tornei singoli. L'idea è sicuramente buona, anche se per concretizzarla ci sarà da fare ancora molta strada". 

TENNIS: SCELTI PER TE