Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
user
16 gennaio 2019

Spy story Leeds-Derby County, Bielsa: "Io unico responsabile, ma fino a oggi ho spiato tutti: non è illegale"

print-icon

L'allenatore del Leeds ha convocato una conferenza stampa per parlare della recente spy story: "La società non c'entra nulla, io sono l'unico responsabile. Ma fino a oggi ho osservato tutti i nostri avversari. In tanti hanno parlato di fair play, ma è un comportamento che non viola nessuna legge. Quello che ho fatto non è illegale e non determina il risultato delle partite, è un normale modo per conoscere gli avversari"

BIELSA, LE STRATEGIE PER SPIARE GLI AVVERSARI

LAMPARD SPIATO, ARRIVA LA POLIZIA: LA RICOSTRUZIONE

BIELSA: "È COLPA MIA, CHIEDO SCUSA"

Negli ultimi giorni Marcelo Bielsa è stato al centro della spy story che ha coinvolto la Championship inglese. L'allenatore ha voluto convocare una conferenza stampa per spiegare la sua posizione, riguardo le polemiche nate con Frank Lampard dopo la sfida contro il Derby County. Queste le parole di Bielsa: "Ho convocato questa conferenza perché poi avremo il classico incontro con la stampa e ho pensato che la questione delle spie avrebbe richiesto del tempo che avrei voluto dedicare alla partita – ha dichiarato El Loco - Il club non è responsabile in alcun modo. La persona ha seguito i miei ordini e io sono l'unico responsabile. Ho osservato tutti i rivali contro i quali abbiamo giocato e ho guardato le sessioni di allenamento di tutti i nostri avversari prima di giocare contro di loro".

"Quello che ho fatto non è illegale"

"Molte persone hanno condannato il comportamento dicendo che era immorale e tirando in ballo il fair play, dicendo che si trattava di un imbroglio – prosegue - Molti manager ed ex giocatori hanno pensato che il mio comportamento fosse irrispettoso. Non voglio confrontare il mio comportamento con i comportamenti precedenti riguardanti l'argomento. Ho sentito che ci sono altri comportamenti che influenzano il fair play, ma non voglio difendermi attaccando gli altri. Quello che ho fatto non è illegale. Non è specificato, non è scritto in un nessun regolamento. Possiamo discuterne, ma non è una violazione della legge. So che tutto ciò che non è illegale non è giusto da fare. Ovviamente se osservi qualcosa senza l'autorizzazione della persona coinvolta, si parla di spionaggio. Non posso dire che questa sia la cosa giusta da fare, ma cercherò di spiegare che non avevo cattive intenzioni. Forse ho violato le regole del fair play, devo adattarmi alle regole legate alle abitudini del calcio inglese".

"Il nostro era un normale modo di conoscere l'avversario"

E ancora: "Quando osservi gli allenamenti degli avversari cerchi di capire l'undici titolare. Ovviamente non sono le informazioni che ti permettono di costruire una formazione per neutralizzare l'avversario, ma questa non è una norma. Non sto cercando di giustificare il mio comportamento. Se le autorità vogliono proteggere il campionato, condannando coloro che si comportano con cattive intenzioni o influenzano il prestigio della lega, dobbiamo rispettare le sanzioni. Un allenatore ha uno staff di 20 persone, chiaramente non definiamo l'andamento della partita ma ci dà fastidio quando non lavoriamo abbastanza. Questo non ti permette di vincere le partite, ma chiaramente ti fa conoscere dei giocatori. Magari non parlo bene inglese, ma vi posso parlare di tutte le squadre del campionato. L'unico nostro obiettivo era vedere quali fossero le posizioni dei calciatori del Derby County rispetto all'anno precedente: un normale modo di conoscere l'avversario".

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' LETTI DI OGGI
I più letti di oggi