Carabao Cup, Arsenal-Nottingham Forest in ritardo per aspettare i tifosi

Calcio

I Gunners, che hanno sfidato il Nottingham Forest nel terzo turno di Carabao Cup, dovevano inizialmente scendere in campo alle 19:45. Ma il calcio d'inizio è slittato di un quarto d'ora per permettere ai tifosi imbottigliati nel traffico di prendere il proprio posto allo stadio

ARSENAL, IL CAPITANO SARA' ELETTO DAI GIOCATORI

I RISULTATI DELLA COPPA DI LEGA

DAZN1 SUL CANALE 209 DI SKY: LA GUIDA

I tifosi prima di tutto. Curioso quanto successo in Inghilterra in occasione del match di Carabao Cup fra Arsenal e Nottingham Forest. Il fischio d'inizio della partita, infatti, era previsto in un primo momento per le 19:45. Ma le due squadre sono scese in campo qualche minuto più tardi, quindici per la precisione. Questo perché i tifosi hanno riscontrato non pochi problemi nel raggiungere l'Emirates. Colpa del traffico di Londra, che sa essere devastante. La decisione è stata comunicata sul momento proprio dall'Arsenal attraverso i propri canali ufficiali. Poi, una volta che lo stadio è andato riempiendosi e la maggior parte dei sostenitori ha raggiunto il posto che gli competeva, la gara ha potuto avere inizio. E i Gunners non hanno lasciato scampo agli avversari, piegati con un netto 5-0. Decisive la doppietta di Martinelli e le reti di Holding, Willock, Nelson. La squadra di Emery si è così qualificata agli ottavi di finale, in programma il prossimo 29 ottobre. Avversario? Il Liverpool. Sì, poteva andare meglio. 

Il momento del Nottingham Forest

Se l'Arsenal è quarto in Premier, il Nottingham Forest è partito bene in Championship. Una sola sconfitta nelle prime otto giornate e una classifica che lo vede al sesto posto (quindi in piena zona playoff) a soli due punti dal Leeds primo. Risultati molto diversi rispetto a quelli a cui il club aveva abituato i suoi tifosi sul finire degli anni '70, ma la realtà dice che il Nottingham Forest è alla sua dodicesima stagione consecutiva in Championship. La promozione, dunque, come primo passo per tornare grandi. 

I più letti di calcio