Marani: "Turchia, il saluto militare colpisce molto". La UEFA: "Esamineremo l'accaduto"

Calcio

Matteo Marani

Matteo Marani analizza l'episodio accaduto dopo il match di qualificazione agli Europei 2020 tra Turchia e Albania, con i padroni di casa che hanno esultato facendo un saluto militare a sostegno del regime di Erdogan. Il tutto nel pieno della crisi curda. Il capo ufficio stampa dell'UEFA: "Esamineremo la situazione"

QUALIFICAZIONI EURO2020, I RISULTATI - LE CLASSIFICHE

NBA, KANTER: "ERDOGAN NON MI FA PAURA"

DAZN1 SUL CANALE 209 DI SKY: LA GUIDA

Questa esultanza della Nazionale turca, questo saluto militare postato anche da Cengiz Under e Demiral sui social, colpisce molto. Credo che non sia mai una vittoria quando lo sport e in particolare i protagonisti dello sport sposano e abbracciano un nazionalismo radicato e radicale come è quello di Erdogan.

Sappiamo tutto quello che è la questione curda, sappiamo tutto ciò che sta accadendo in questi giorni, con la prima invasione via terra iniziata il 9 ottobre. È vero che siamo ancora pochi chilometri all’interno della Siria, ma il raggio del confine è lungo.

Questa pagina a me personalmente ricorda momenti non belli dello sport. Penso ad esempio a ciò che è stato per la stessa Italia negli anni del fascismo, a quello che è stato l’uso strumentale degli atleti allora. Penso a quello che è successo nella Cuba Castrista, quando ci sono stati degli atleti diventati idoli di Stato e non solo idoli della gente. Invece bisogna che gli sportivi rimangano idoli delle persone. Penso a quanto successo dall’altra parte dell’Adriatico, quando Tudjman ha individuato in Boban il simbolo e dalla parte opposta Milosevic ha avuto i suoi uomini.

Questa di Erdogan è una pagina molto delicata, molto difficile, per certi aspetti molto inquietante. Penso a quanto sta accadendo a Kanter, il cestista dei Boston Celtics, e a ciò che ha dovuto sopportare. Ricordo che il padre è stato allontanato dall’università dove lavorava, il fratello addirittura bandito dalle Nazionali. Lui stesso ha avuto molti problemi a Boston, dove ha subìto anche una sorta di aggressione all’esterno di una moschea.

Insomma, quello della Turchia è un tema molto complesso, ci sarebbero da considerare ragioni storiche lunghissime che trovano radici addirittura alla fine della prima guerra mondiale, quando dopo la dissoluzione dell’Impero Ottomano i curdi chiedevano il Kurdistan.

Detto tutto questo, il punto cruciale è uno: lo sport, di fronte a certe cose come guerra o diritto internazionale, di fronte a circostanze che rischiano di sfociare in tragedie umanitarie come quella che si profila in Siria, dovrebbe limitarsi alla mera parte sportiva.

La UEFA: "Esamineremo la situazione"

Il capo ufficio stampa della UEFA Philip Townsend, intervenuto ai microfoni dell'ANSA, ha commentato il saluto militare mostrato sul campo dai giocatori della Turchia: "Personalmente non ho visto quel gesto, che comunque potrebbe sembrare una provocazione. Il regolamento vieta riferimenti politici e anche religiosi? Sì, e posso garantire che esamineremo questa situazione. Fatemi controllare".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche