Lo speciale "Milan 1989: quando diventammo Re": il viaggio nel tempo di Billy Costacurta

Champions League

Marco Cattaneo

Marco Cattaneo ha accompagnato, 30 anni dopo, Billy Costacurta a Barcellona. Dove, nella notte del 24 maggio 1989, il Milan alzava la prima Coppa Campioni dell'era Berlusconi. Un viaggio fatto di ricordi e di storie. Da raccontare e da vedere, ancora. Appuntamento venerdì 24 maggio su Sky Sport Uno con lo speciale "Quando diventammo Re"

#SKYMILAN89: TUTTI GLI APPUNTAMENTI IN TV

MILAN CAMPIONE, COSA FANNO GLI EROI DEL 1989? FOTO

CONDO' RACCONTA SACCHI: LA NOTTE DEL 1989

COM'ERA IL MONDO 30 ANNI FA

LA NOTTE DEL CAMP NOU: IL RACCONTO A FUMETTI

Salendo su quell’aereo con Billy, settimana scorsa, sapevo che non avrei semplicemente viaggiato verso Barcellona. Era più un viaggio nel tempo, quello: un lungo salto che ci avrebbe riportati nel 1989, a 30 anni fa esatti, al giorno in cui il Milan cambiò la storia recente del calcio, sconfiggendo al Camp Nou la Steaua Bucarest per 4-0 e mettendo così le mani sulla prima Coppa dei Campioni dell’era Berlusconi.

Le pagine precedenti, probabilmente, le conoscete già: saprete di Arrigo Sacchi e di come rivoluzionò questo sport, conoscerete i nomi dei tre olandesi e ricorderete bene come il Milan arrivò a giocarsi quella coppa, dopo il 3-2 di Napoli e lo scudetto dell’anno precedente.

Ma qui, in questo speciale di quasi mezz’ora con immagini e documenti dell’epoca, c’è un pezzo di storia raccontato da uno di quelli che l’hanno scritta: Costacurta Alessandro detto Billy, quella sera in campo con la divisa bianca e il 5 scritto in rosso, stretto in mezzo a Franco Baresi e Mauro Tassotti. Billy c’era, quella sera; e Billy tornerà più volte, in quella città e in quello stadio, a giocarsi Supercoppe e partite di Champions League, l’ultima delle quali a 40 anni compiuti da due giorni.

Ma è quella partita, è quel viaggio, che Billy non dimenticherà mai: dall’arrivo all’aeroporto di Barcellona al trasferimento in hotel, dove il giorno della partita i giocatori del Milan troveranno 50mila tifosi ad accoglierli; dalla rifinitura del mattino (in pochi credevano che Gullit potesse giocare, pensate un po’…) all’adrenalina che montò nello spogliatoio, fino all’incredibile colpo d’occhio una volta saliti gli scalini che portavano al campo: sugli spalti li aspettavano più di 90mila tifosi del Milan, pronti a fare festa in una notte che sarebbe diventata storica.

Dopo aver visto questo Milan il calcio non potrà mai più essere lo stesso titolò del resto l’Equipe il giorno dopo. Quando ormai la festa nel lussuosissimo hotel del centro era terminata, e il Milan di Sacchi era ormai diventato Re.

Appuntamento su Sky Sport Uno con lo speciale "Milan 1989: quando diventammo Re", venerdì 24 maggio alle ore 12.30 e alle 23.30.

I più letti