Lazio-Bayern Monaco, Rummenigge: "Pronti nonostante le assenze. Scudetto? Inter favorita"

ESCLUSIVA

Il CEO dei bavaresi ha parlato in esclusiva a Sky Sport del match contro i biancocelesti: "Abbiamo diverse assenze, ma siamo competitivi e sicuri di poter fare bene a Roma. E tra Immobile e Lewandowski sarà una bella sfida". E sulla sua Inter: "Ho visto il derby, è la grande favorita per lo scudetto". E su Lukaku: "Bravo sia tecnicamente, sia nella finalizzazione"

LAZIO-BAYERN LIVE

LE PROBABILI FORMAZIONI DI LAZIO-BAYERN

La sfida con la Lazio da affrontare nel migliore dei modi, senza sottovalutare l'avversario. Idee chiare per Karl-Heinz Rummenigge in vista del match di andata degli ottavi di finale di Champions League in programma questa sera all'Olimpico (diretta su Sky Sport Uno) tra la squadra biancoceleste e il Bayern Monaco campione di tutto. Il CEO dei bavaresi, intervenuto in esclusiva a Sky Sport, ha parlato così della partita e non solo: da ex attaccante dell'Inter, Rummenigge ha commentato anche il momento attraversato dai nerazzurri.

LAZIO-BAYERN

Flick: "Voglio il vero Bayern". Ma in 6 sono out

Come arriva il Bayern Monaco a questa partita?

Purtroppo abbiamo delle assenze, non solo a causa di alcuni infortuni ma anche per il Covid. Ma abbiamo una rosa ampia e non ci sono dubbi sul fatto che possiamo fare bene anche a Roma con la Lazio. La squadra è molto motivata, abbiamo vinto la Champions l’anno scorso e vogliamo fare bene anche quest'anno.

 

Sarà la sfida tra Immobile e Lewandowski. Che ne pensa?

Sono entrambi molto bravi. Immobile l'anno scorso ha fatto molto bene ed è stato il capocannoniere europeo, Lewandowski è stato il miglior giocatore del mondo. Sarà un bel confronto.

 

Avete mai pensato a Immobile?

Lui ha giocato nel Dortmund, non ha trovato un'annata buona lì anche perché è stato ingiustamente criticato. Quella è stata una stagione complicata per tutto il Dortmund e mi è dispiaciuto per lui. In Italia ha dimostrato tutte le se qualità, è un giocatore che può fare la differenza.

 

Tra 10 mesi non sarà più il CEO del Bayern: come vive questa cosa?

Io penso esclusivamente in maniera positiva, ho avuto la grande fortuna di vincere tutto nel 2020. Abbiamo appena vinto il Mondiale per club, mi godo il momento buono e ho avuto una carriera nel calcio in cui mi è andato tutto bene, prima da calciatore e poi da dirigente. Sono molto contento e spero che anche quest'anno la squadra faccia bene.

 

Qual è la vostra strategia sul mercato?

Noi abbiamo una filosofia un po' diversa, non abbiamo mai pescato i "grandi pesci" perché sono costosi e a volte rischiosi, non funzionano molto bene.

 

Cosa pensa di una possibile Superlega europea?

Io non sono un grande sostenitore di questa ipotesi, il problema che tutti nel calcio dobbiamo affrontare si chiama Covid. Ormai da un anno giochiamo senza tifosi, ci mancano sia sugli spalti che per quanto riguarda gli incassi. Bisogna lavorare per tornare un po' alla normalità, io credo che tutte le società, soprattutto le grandi, negli ultimi dieci anni abbiano esagerato con i cartellini e gli ingaggi. Adesso dobbiamo ritrovare la normalità.

Secondo lei questo è l'anno buono per l'Inter?

Ho visto il derby, mi è piaciuto il risultato e ho fatto i complimenti al mio amico Beppe Marotta. L'Inter dopo qualche anno di sofferenza è tornata alla grande, è la grande favorita per vincere lo scudetto e me lo auguro di cuore.

 

Lukaku è il più forte di tutti? Non vale dire Lewandowski…

È bravo, domenica ha giocato molto bene ma anche prima. Mi piace, lavora molto per la squadra, fa gol e assist. Ogni tanto viene criticato, ma è bravo sia tecnicamente che nella finalizzazione.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche