Koulibaly: "Futuro? Amo Napoli, le squadre mi cercano ma sono ancora qua"

Europa League

Il difensore del Napoli analizza la gara vinta con la Real Sociedad ma parla anche di futuro: "Era difficile venire su questo campo e fare bene. Le squadre mi cercano ma io sono ancora qua. Io amo Napoli, ho tre anni di contratto e sono nel progetto al 100%. Vedremo cosa accadrà. Gattuso? Dopo una stagione per me difficile mi ha detto la verità in faccia e io mi sono messo a lavorare"

CORONAVIRUS, DATI E NEWS IN TEMPO REALE

Il Napoli vince a San Sebastian una gara molto complicata con la Real Sociedad. Tra i migliori in campo Kalidou Koulibaly che analizza la partita: "Non so se è la vittoria più importante della stagione ma avevamo voglia di fare bene qua - dice - Loro sono una squadra molto forte, sono primi in classifica e noi abbiamo gestito bene la partita perché giocare fuori casa, in questo campo, con la loro fiducia, non era facile e penso che abbiamo fatto molto bene". Sulla crescita della squadra: "Cosa c’è di diverso rispetto allo scorso anno? Siamo più consapevoli ma anche se vinciamo le partite ci rimettiamo sempre in discussione e vogliamo vincere ogni volta, anche soffrendo. Sapevamo che loro erano forti e ci siamo messi a disposizione, ci siamo aiutati tutti e possiamo essere felici stasera".

Koulibaly e il futuro: "Amo Napoli ma vedremo"

approfondimento

Politano rilancia il Napoli: Real Sociedad ko 1-0

Koulibaly sembra aver definitivamente superato tutti i problemi della scorsa stagione: "Ho avuto una stagione più difficile anche se non ho fatto malissimo però sappiamo il livello che ho e sapevamo che potevo dare di più. Quest’anno il mister mi ha detto che contava molto su di me perché devo aiutare la squadra e dovevo tornare al mio livello. Mi ha detto semplicemente la verità e me lo ha detto in faccia e io mi sono messo a lavorare e a disposizione di tutti e oggi vediamo il risultato, ma dobbiamo essere consapevoli che la stagione è ancora lunga e ci sono tante partite dove bisogna mantenere questo livello. Con Ancelotti ero macchinoso, dopo l’infortunio e il lockdown sono tornato al mio livello, io provo a dare quello che la gente si aspetta da me. Io amo Napoli e Napoli mi ama, quella è la cosa più importante, io mi metto sempre a disposizione partita dopo partita, ho ancora tre anni di contratto, io sono tranquillo, le squadre mi cercano ma io sono ancora qua, quindi… Io gioco al mio livello e aiuto questa squadra e questa gente perché io voglio rendere qualcosa a loro poi vedremo quello che succederà".

"Gattuso vuole che concretizziamo di più"

Sulla differenza tra il Napoli di Sarri e quello di Gattuso: "Possiamo arrivare ai livelli del Napoli di Sarri. Il gioco di Sarri era più di palleggio, quello del mister è un po’ più diretto. C’è la stessa idea di giocare a calcio ma Gattuso vuole che concretizziamo di più e noi sappiamo che possiamo arrivare al livello che il mister chiede".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche