Sergio Ramos: "La Spagna tratta male i suoi campioni, Bonucci e Chiellini eroi in Italia"

Europei
©Getty

Il difensore del Psg lancia una stoccata al tifo spagnolo: "Abbiamo un problema come Paese, la nostra filosofia non cambia. Bonucci e Chiellini in Italia sono degli eroi. Noi non apprezziamo i nostri campioni". E sull'addio al Real: "Orgoglioso della mia decisione, mi piacciono le sfide e voglio continuare a vincere qui". Con Messi? "Leo è tra i migliori al mondo ma non dipende da me"

CHIELLINI E IL "KIRICOCHO" PRIMA DEL RIGORE DI SAHA: COSA SIGNIFICA

"Abbiamo un problema culturale come Paese, la nostra filosofia non cambia. Vedo la Premier, vedo Bonucci e Chiellini che sono eroi in Italia. Dobbiamo far sì che le persone ammirino coloro che vincono qui. Verso i nostri giocatori non proviamo l'ammirazione che abbiamo per gli straniero". Parola di Sergio Ramos, cpresentato ufficialmente come nuovo difensore del Paris Saint-Germain. "È triste ma è la realtà. Non l'ho sofferto solo io ma anche altri giocatori". Concetto che si lega anche delle forti critiche ci sono state nei confronti dei giocatori della Spagna a Euro 2020. L’ultimo caso ha riguardato Morata: "Mi è spiaciuto non essere lì. Continuerò a lavorare per tornare al più presto, giocare con la nazionale continua a emozionarmi".

"Orgoglioso della scelta Psg, mai guardarsi indietro"

approfondimento

Psg, con Messi è una formazione stellare

Il centrale spagnolo ha lasciato Madrid dopo 16 stagioni. "Sono orgoglioso della decisione che ho preso - ammette - al Real ho vissuto un periodo meraviglioso, custodisco con gioia le tante cose belle vissute lì. Però mi piacciono le sfide e voglio continuare a vincere qui. Sono molto emozionato dalla possibilità di scrivere la storia e sono nella squadra giusta. Sono qui per ricominciare da zero, speriamo sia una grande stagione". Senza voltarsi indietro: "Uscire dalla comfort zone fa bene a tutti, sono contento del passo che ho fatto. Guardarsi alle spalle è sempre un errore". Nessun dubbio sulla sua condizione atletica: "Sto bene, voglio giocare. Sono stato in grado di recuperare dagli infortuni e lavorare bene in questa estate. La concorrenza? Non ci sono titolari indiscussi, il campo deciderà chi è più bravo. La stagione è lunga, avremo tutti spazio".

"Mbappé-Real? Ora deve restare qui. Messi? Non decido io"

leggi anche

Occasioni a buon mercato: big in scadenza nel 2022

Al Psg Sergio Ramos ha già avuto modo di conoscere Mauricio Pochettino:"Stiamo parlando da un mese. I consigli e le parole del mister hanno avuto un peso nella mia scelta. Mi è piaciuto il suo modo di approcciarsi al calcio e come carica i suoi giocatori". Lista in cui trovano posto Neymar e Mbappé: "Sono entusiasta di giocare con entrambi. Ho un ottimo rapporto con Neymar e Kylian è a livelli altissimi. Se gli consiglierei di andare a Madrid? Il Real è uno dei migliori al mondo e i giocatori di un certo livello a un certo punto ci passano ma ora è nella mia squadra e voglio che resti qui. Sono al Psg per vincere, per farlo dobbiamo remare tutti nella stessa direzione. Siamo sulla strada giusta". Glissa quando gli chiedono se gli piacerebbe giocare in Francia con Messi: "Leo è uno dei migliori al mondo, ma non dipende certo da me. Potrei dire mille cose ma non sono determinanti". Nessun dubbio, invece, in caso di incrocio con il Real e gol alla sua ex squadra: "Non esulterei mai, il Real e i suoi tifosi sono nel mio cuore e meritano rispetto".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche