Barcellona, in sei si dimettono dal Consiglio di Amministrazione: Bartomeu è più solo

Liga
©LaPresse

Sei dirigenti della giunta direttiva rassegnano in blocco le dimissioni irrevocabili: sul tavolo la gestione del Barçagate e della società "davanti alle importanti sfide future, a partire dallo scenario post-pandemia". Chieste nuove elezioni "non appena le circostanze lo permetteranno"

CORONAVIRUS, LE NEWS IN DIRETTA

Rivoluzione nel consiglio di amministrazione del Barcellona. Il rinnovo annunciato da Josep Bartomeu non si è fatto attendere. Come spiegato da La Vanguardia, sei dirigenti del club blaugrana hanno rassegnato le dimissioni in blocco nel pomeriggio di giovedì 9 aprile.  Si tratta dei due vicepresidenti Emili Rousaud ed Enrique Tombas oltre a Silvio Elias, Maria Teixidor, Josep Pont e il segretario della giunta, Jordi Clasamiglia. Alle basi dell'addio dei sei, oltre alla decisione di Bartomeu di declassare alcuni dirigenti, ci sono anche i lavori al rilento per arrivare alla riduzione degli stipendi dei giocatori in risposta all'emergenza coronavirus, e il mancato chiarimento delle responsabilità nel caso "Barçagate", dove è stato denunciato il legame fra il Barcellona e l'impresa I3 Ventures che su commissione del club avrebbe migliorato la reputazione di Bartomeu e di alcuni membri del direttivo sui social, creando anche account fittizi per screditare possibili avversari nella corsa alla presidenza.

Barcellona, in 6 via dal CdA: la lettera di addio

La Vanguardia ha anche pubblicato la lettera di addio dei sei dirigenti al club blaugrana: "Abbiamo deciso irrevocabilmente di rassegnare le dimissioni - spiegano - la nostra è una scelta maturata una volta acquisita la consapevolezza di non poter invertire i criteri e le forme dei gestione del club di fronte alle importanti sfide del futuro e, soprattutto, al nuovo scenario post-pandemico. Dobbiamo anche sottolineare il nostro disincanto verso il caso Barçagate, che abbiamo appreso attraverso la stampa". Dopo il ringraziamento ai colleghi del CdA e ai dipendenti e ai dirigenti del club "per il loro supporto e l'eccellente lavoro durante questo periodo", Rosaud, Tombas, Teixidor, Elias, Pont e Caslamiglia lanciano una richiesta: "Chiediamo, come ultimo atto interno al club, che non appena le circostanze lo consentiranno siano convocate nuove elezioni che consentano, di gestire il Barcellona nel miglior modo possibile di fronte alle importanti sfide del futuro".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche