Juve, Kean: "Mi ispiro a Drogba e Balotelli, sogno la Champions. CR7? Non chiedo consigli"

Serie A

Dall’infanzia agli inizi nel mondo del calcio, tra modelli da seguire e obiettivi da raggiungere. A tutto Kean: "Volevo fare il centrocampista, ma mio padre mi diceva di indossare il 9. Alla Juve ho capito che tutto sarebbe cambiato: la maglia bianconera non è un peso e sogno la Champions. CR7? Provo ad imparare, ma non sono il tipo che chiede consigli"

CR7 CHIAMA DE LIGT ALLA JUVE - SARRI, RELAX IN TOSCANA IN ATTESA DELLA JUVE

KEAN GUIDA L'ATTACCO AZZURRO: I CONVOCATI DELL'UNDER 21 PER GLI EUROPEI

IL CALENDARIO DELL'ITALIA AGLI EUROPEI UNDER 21

IL PROFILO DI MOISE KEAN

Nell’ultima stagione è esploso definitivamente con la maglia della Juventus, imponendosi al grande calcio a suon di gol e conquistando anche la convocazione in Nazionale maggiore. Momento più che positivo per Moise Kean, che adesso vuole continuare a stupire anche con l’Italia Under 21, con la quale sarà impegnato nei prossimi Europei. In vista dell’esordio nella competizione continentale, l’attaccante classe 2000 si è raccontato nel corso di una lunga intervista concessa a Soccer Bible. Tanti gli argomenti trattati, dall’infanzia agli inizi nel mondo del calcio, tra modelli da seguire e obiettivi da raggiungere.

L’importanza della famiglia

Adesso è un bomber di razza, ma Kean inizialmente aveva altri piani: "Sì, volevo fare il centrocampista – ha ammesso l’attaccante della Juve -, ma mio padre mi diceva di indossare la maglia numero 9. Devo dire che alla fine ha avuto ragione lui. Un ruolo fondamentale, però, è quello che ha svolto mia madre. Lei voleva che prima di ogni altra cosa studiassi, ma conciliare calcio e studi non era semplice. Il mio desiderio di diventare calciatore a tutti i costi alla fine ha avuto la meglio. E mia madre è orgogliosa del mio percorso: senza la mia famiglia non avrei potuto farcela".

La Juve e CR7

Kean ha poi parlato dell’importanza di essere alla Juventus e della possibilità di allenarsi insieme a Cristiano Ronaldo. L’attaccante, però, ha svelato un dettaglio non indifferente sul rapporto con il campione portoghese: "Quando sono arrivato in bianconero ho capito che le cose sarebbero cambiate – ha proseguito -, so perfettamente che la maglia della Juve comporta delle responsabilità, ma non è un peso. Io sono pienamente concentrato sul mio percorso. Il rapporto con Cristiano Ronaldo? Cerco di osservarlo in allenamento e di imparare da lui il più possibile. Però non gli chiedo dei consigli: non sono il tipo".

Modelli

Con riferimenti ai modelli da seguire, Kean non ha dubbi. "Senza dubbio Didier Drogba – ha detto -: lui era uno dei miei idoli e osservavo sempre con attenzione come si muoveva e quanto segnava. In Italia, invece, mi è sempre piaciuto Mario Balotelli, soprattutto quando giocava nell’Inter".

Sogno Champions

In chiusura l’attaccante bianconero ha parlato degli obiettivi da raggiungere e dell’emozione derivata dalla convocazione in Nazionale maggiore: "Alla Juventus ti insegnano a dare sempre il massimo in ogni sfida, qualunque forma assuma. Io sogno di vincere la Champions League. La Nazionale maggiore? Non mi aspettavo la convocazione, ero a Ferrara con l’Under 21 quando il CT Di Biagio venne da me a comunicarmi che dovevo unirmi alla Nazionale di Mancini. Potete immaginare ciò che ho provato…".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport