Juventus, Benatia sul futuro di Pjanic: "Ha tanto mercato, ma alla Juve sta bene"

Serie A
©LaPresse

Il bosniaco compie 30 anni e viene celebrato anche dalla Juve con un video postato sui canali social: "Lo hanno cercato Real e Psg, ma ha ancora tre anni di contratto e a Torino sta bene - ha svelato l'ex compagno Benatia a Tuttosport - lì ha cambiato mentalità. Ora gioca sempre per vincere"

CORONAVIRUS, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

Miralem Pjanic compie oggi 30 anni. Il centrocampista della Juventus, arrivato a Torino nell'estate del 2016, con Sarri aveva totalizzato 32 presenze prima che l'emergenza coronavirus fermasse tutto. Ora si trova a casa sua, in Lussemburgo: "Ma non festeggio, non ho mai festeggiato - ha spiegato il bosniaco in occasione di una diretta Instagram con Benatia, suo amico ed ex compagno in bianconero e alla Roma - per regalo vorrei soltanto che tutti siate in salute e che la famiglia stia bene. Non chiedo niente di più". Un compleanno un po' particolare dunque rispetto agli altri, lontano dalla città che lo ha adottato negli ultimi quattro anni: "Mi manca Torino, mi manca il calcio. Mi manca allenarmi - ha confessato sempre sui suoi canali social - ma bisogna restare a casa. Viviamo una situazione pazza e lunga". Intanto a fargli gli auguri è stata anche la stessa Juventus, che sui propri canali social ha postato un video con tutte le giocate di Miralem: "Un minuto dedicato al compleanno di un campione", quanto scritto dal club bianconero". 

"Alla Juve sta bene"

A fargli compagnia su Instagram ci ha pensato appunto Benatia, che ha condiviso con lui tante battaglie prima con la Roma e poi con la Juve prima di volare in Qatar: "Alla Juventus ha ancora tre anni di contratto e sta bene - ha raccontato il difensore marocchino a Tuttosport - ad ogni mercato ha la possibilità di andare via. Lo hanno cercato Real e Psg ma alla fine Pjanic ha prolungato il suo contratto con i bianconeri. Ha prevalso il suo amore per la Juve, dove sente la fiducia: nello spogliatoio è uno dei senatori, sa farsi ascoltare e rispettare. Poi, lo sappiamo, le situazioni possono cambiare, il club può decidere di cederlo. Ma se dipende dal giocatore, resta a Torino: a me non ha mai detto di voler cambiare aria, anzi. Con la Juve ha cambiato mentalità: adesso gioca per vincere, sempre". Dopo un inizio molto convincente, il bosniaco ha accusato un leggero periodo di flessione, culminato con la panchina contro l'Inter: "Prima di quel match non si sentiva al massimo - ha svelato Benatia - è fra i giocatori con più presenze, non si tira mai indietro. Si è anche adattato a un nuovo modulo tattico, visto che con Sarri la Juve ha giocato spesso col trequartista dietro alle due punte. E ha dovuto correre tanto, come Matuidi: entrambi mi hanno confessato che erano davvero affaticati. Così è dura per tutti: meno possesso palla e più corsa. E alla fine si è infortunato agli adduttori. Capisco che Sarri voglia che giochi più la palla, però deve stare bene fisicamente affinché la squadra giri".

 

Gli anni alla Roma

Pjanic e Benatia, prima di trasferirsi alla Juventus, hanno condiviso una stagione alla Roma (2013/2014, prima che il difensore volasse al Bayern). Durante la diretta un commento rilasciato dall'ex compagno Federico Balzaretti li ha riportati al passato: "L'uomo del derby! - ha esclamato il marocchino riferendosi alla rete segnata nel 2-0 alla Lazio del 22 settembre 2013 - incredibile, ho rivisto le immagini quando vai a esultare sotto la curva”. “Mamma mia, i brividi” ricorda Pjanic. “Era una bestia Balzaretti, tutti i giorni in palestra, un mostro – le parole di Benatia – noi eravamo lì a chiacchierare e lui in palestra”. “Era Rambo” conferma il centrocampista della Juve. Ricordi e ironia: "Guarda come sono messo con la barba – shcerza il bosniaco - niente parrucchiere. Sono qui a casa, c’è solo la pace e il lavoro. C’è solo il tennis qui, batto tutti". Infine Benatia: "Siamo molto legati all’Italia. Spero che tutto questo finisca presto e che tutto possa tornare alla normalità”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche