Serie A, le altre ipotesi della ripresa: playoff o classifica attuale

Serie A
©Ansa

È ufficiale la ripartenza della Serie A dal 20 giugno, via libera del governo dopo la riunione tra i vertici del calcio e il ministro dello Sport. Lo stesso Spadafora ha aggiunto: "Si è parlato anche dell'eventualità di un nuovo stop in caso di peggioramento dell'emergenza sanitaria. La Figc è ben consapevole e ha due soluzioni". Si tratta dei piani B e C: eccoli nel dettaglio

LA SERIE A RIPARTE DAL 20 GIUGNO: TUTTE LE NEWS

CORONAVIRUS, GLI AGGIORNAMENTI LIVE

La Serie A riprenderà ufficialmente il prossimo 20 giugno, data preceduta di qualche giorno dalla Coppa Italia. Semifinali di ritorno in programma il 13 e il 14 giugno con la finale fissata per il 17, ma una cosa è certa: il calcio italiano è finalmente pronto a ripartire. È quanto emerso nella riunione in videoconferenza tenuta tra il ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, e tutti i vertici del movimento: "Il calcio sarebbe ripartito quando ci sarebbero state condizioni di sicurezza e quando il Cts avrebbe dato l'ok ai protocolli - ha spiegato Spadafora -, l'Italia sta ripartendo ed è giusto riparta anche il calcio". Scorre quindi il countdown per rivedere i protagonisti in campo, ma non può essere trascurato il tema della sicurezza sanitaria: cosa succede nell’eventualità di un nuovo stop dettato dall’emergenza coronavirus? "La Figc è ben consapevole e mi ha assicurato di avere due soluzioni", ha precisato Spadafora.

Il piano B: playoff e playout

Qualora si presentassero criticità dal punto di vista sanitario, tali da imporre un nuovo blocco al campionato, sono due i piani previsti come da tempo chiedeva lo stesso ministro dello Sport e come già si era discusso recentemente. Il primo è il piano B che prevede l'ipotesi dei playoff e dei playout. Come funziona? La classifica viene cristallizzata al momento dello stop, gerarchie definite che permetterebbero la programmazione degli incontri.

Il piano C: classifica cristallizzata

Se addirittura non ci fosse il margine per lo svolgimento di playoff e playout, la classifica verrebbe "congelata" nel momento in cui il campionato si ferma. Per questo motivo, i verdetti per l’accesso alle coppe europee e per le retrocessioni verrebbero sanciti dalla classifica al momento dell'interruzione. Ecco perché diventa fondamentale giocare il prima possibile i recuperi, affinché tutte le squadre abbiano disputato lo stesso numero di partite senza dover applicare coefficienti e alimentare discordanze. Inoltre, nell’ipotesi di uno stop, andrebbe chiarito se l’assegnazione del titolo sia prevista o meno. La certezza, per ora, è che la Serie A può finalmente ripartire. Dal 20 giugno.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche