Ascoli-Stellone, ufficiale la risoluzione consensuale

Serie B
Ascoli Stellone LaPresse

Dopo un lungo lavoro di mediazione, il club bianconero e l'allenatore hanno trovato l'accordo per terminare consensualmente il rapporto di lavoro. A metà aprile l'Ascoli aveva annunciato la risoluzione unilaterale per 'causa di forza maggiore' e la necessità di contenere i costi, ma il legale di Stellone aveva ritenuto quel licenziamento 'inammissibile'

CORONAVIRUS, GLI AGGIORNAMENTI DEL 29 MAGGIO IN DIRETTA

 

 

Roberto Stellone non è più l'allenatore dell'Ascoli. A renderlo noto è lo stesso club bianconero con un comunicato ufficiale:

L’Ascoli Calcio 1898 FC S.p.A. comunica di aver risolto consensualmente il rapporto di lavoro con il tecnico Roberto Stellone, il suo vice Giorgio Gorgone e il collaboratore tecnico Andrea Gennari. Il Club bianconero, nella prosecuzione della strategia di contenimento dei costi, resa necessaria dalle imprevedibili conseguenze derivanti dalla crisi storica che sta attraversando il Paese, esprime soddisfazione per l’operazione, per la buona riuscita della quale sono stati fondamentali la predisposizione dell’allenatore e del suo staff e il lavoro certosino e competente di mediazione dell’Avv. Pietro Madonia.

L’Ascoli Calcio augura a Stellone e allo staff le migliori fortune.

I numeri di Stellone con l'Ascoli

L'avventura nelle Marche dell'allenatore 42enne è stata fugace: Stellone era subentrato alla guida ad interim di Guillermo Abascal lo scorso febbraio, mettendo a referto 2 punti in 5 partite della Serie B in corso fino all'8 marzo. Poi il calcio si è fermato e l'Ascoli ha ragionato sulle cifre economiche del rapporto: troppo onerose, con il contratto di Stellone e del suo staff che sarebbe scaduto a giugno 2021. Invocando la causa di forza maggiore e la necessità di adottare provvedimenti straordinari per il contenimento di costi, il club aveva così risolto unilateralmente il contratto con l'allenatore lo scorso 16 aprile. La risposta dei legali di Stellone non si era fatta attendere, sottolineando l'inammissibilità del licenziamento e il grave danno d'immagine per l'allenatore. Dopo oltre un mese, alla fine le parti sono riuscite a trovare un accordo soddisfacente. Ora si attende che l'Ascoli comunichi ufficialmente chi sarà la nuova guida tecnica della prima squadra per questo finale di stagione.

SERIE B: SCELTI PER TE