Calciomercato in Premier, cosa cambia con la Brexit: limiti per gli Under 21 stranieri

Calciomercato
©LaPresse

L'1 gennaio 2021 Il Regno Unito lascerà l'Unione Europea. La Brexit inciderà anche sul calcio: limiti per gli Under 21 stranieri e un calcolo di punti per ottenere un permesso di soggiorno lavorativo nel documento studiato da Football Association, Premier League e English Football League, approvato dal Ministero degli Interni. Non si potranno acquistare calciatori stranieri fino compimento del 18° anno di età

FA CUP, MOU CONTRO UNA SQUADRA DI 8^ DIVISIONE

Dopo il 31 dicembre 2020 il Regno Unito non sarà più parte del territorio doganale e fiscale dell'Unione Europea. La Brexit inciderà su tanti aspetti, incluso il calcio. Così Football Association, Premier League e English Football League hanno concordato un piano per stilare i requisiti di acquisto per i calciatori stranieri. Standard presentati al governo un mese fa e approvati nelle scorse ore  dal Ministro degli Interni. 

Under 21, limiti agli stranieri. E sotto i 18 arrivi blindati

approfondimento

Chi è cresciuto più di valore nell'ultimo mese

Netta l'indicazione che arriva per l'acquisto di giovani di nazionalità non inglese. In Premier League ogni club potrà comprare al massimo tre giocatori stranieri Under 21 a gennaio e un massimo di sei Under 21 per l'intera stagione. Inoltre i club inglesi non potranno acquistare calciatori di altre nazionalità fino al compimento dei 18 anni. "Il regolamento - precisa la nota - verrà applicato sin dalla sessione di trasferimenti di gennaio 2021. Il sistema sposa gli obiettivi di Premier League e Football Association di permettere l'ingresso in prima squadra ai migliori giocatori e futuri talenti stranieri così come di salvaguardare le squadre inglesi, assicurando le giuste opportunità ai calciatori cresciuti in casa".

GBE: come si cambia

leggi anche

Khedira: "Opzione Premier, ma a gennaio non parto"

Una delle novità principali riguarda l'estensione del Governing Body Endorsement, equivalente a un permesso di soggiorno lavorativo, anche ai calciatori che arrivano dagli stati inclusi nell'Unione Europea. Il GBE sarà definito attraverso dei punti, assegnati in base alle presenze nelle nazionali (senior e giovanili), qualità del club di provenienza in base alla posizione e al  campionato di competenza e numero di presenze nei club, distinte tra competizioni nazionali e internazionali. I giocatori che metteranno insieme la quantità richiesta di punti otterranno automaticamente un GBE, mentre i giocatori appena sotto la soglia possono essere presi in valutazione per entrare in un "Exceptions Panel" e ottenerlo in un secondo momento.

I prossimi passi

Il regolamento, informano dalla FA, sarà migliorato dopo la finestra di trasferimenti di gennaio 2021 e rivisto prima della sessione di mercato dell'estate 2021. "La Premier League ha lavorato con la FA per raggiungere un accordo che faccia in modo che la Brexit danneggi il livello del campionato o le prospettive delle squadre inglesi - è il commento di Richard Masters, amministratore delegato della Premier League - il campionato resterà avvincente e la soluzione sarà sinergica alla nostra filosofia di crescita dei migliori talenti stranieri insieme ai migliori giocatori nostrani. Dopo la finestra di trasferimento di gennaio rivedremo l'accordo con la Football Association".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche