Formula giusta, l'alba del nuovo Mondiale è Rossa

Formula 1

Mara Sangiorgio

L'Italia dei motori torna grande in Formula 1 con il successo di Vettel e della Ferrari al GP d'Australia. Ma non solo. E' stata un'alba molto più tricolore con il 12° posto di Antonio Giovinazzi

E' un'alba rossa. Ma anche italianissima. Dopo un anno e mezzo e 27 gare la Ferrari con Sebastian Vettel è tornata alla vittoria. E lo ha fatto con una grande prova di forza e coraggio. La forza è nella nuova monoposto: veloce, precisa e realmente competitiva. Che ha permesso al tedesco di rimanere attaccato a Lewis Hamilton sin dalla partenza senza perdere terreno e fiducia.

Come è capitato troppo spesso nella scorsa stagione. Il coraggio è stato nelle scelte legate a un progetto ambizioso e in una squadra che dalle ceneri del 2016 si è ricompattata intorno a Maurizio Arrivabene e Mattia Binotto. Ma anche e soprattutto durante i 58 giri del primo gran premio della stagione.

Rimanere concentrati dopo il primo pit stop di Lewis Hamilton al diciassettesimo giro e aspettare è stato fondamentale. Arrogante mossa Mercedes che non ha fatto i conti con il traffico e la difficoltà di soprasso maggiore con queste nuove monoposto. Il tre volte campione del mondo è rientrato dietro all’ostico Max Verstappen e ha perso gomma e tempo preziosi.

Lui dice che avrebbe vinto, ma i pugni di Toto Wolff e il podio raccontano una storia diversa. E' un punto di partenza, per usare le stesse parole del presidente Marchionne. E' un'alba rossa che è stata anche un po’ più italiana con il 12° posto di Antonio Giovinazzi. E adesso la speranza è che non rimanga solo un’alba, per entrambi.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche