Ferrari regina a Budapest: un trionfo che vale doppio

Formula 1

Mara Sangiorgio

In Ungheria la Rossa con una prova di squadra praticamente perfetta batte le due Mercedes, permettendo a Vettel di allungare nella classifica piloti con 14 punti su Hamilton

CLICCA QUI PER RIVIVERE LA GARA - TEMPI - CLASSIFICHE

Un vittoria per due. Per Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen. Perché nel mondo dell'utopia si sarebbero meritati entrambi di salire sul gradino più alto del podio. A vincere però è stato lui: Seb. Dopo quasi tutta la gara passata a guidare con un volante storto, senza poter rischiare sui cordoli e gestendo la testa della corsa in maniera quasi eroica.

Ma se Sebastian Vettel è arrivato al traguardo da leader senza accusare nessun attacco da parte di Lewis Hamilton deve ringraziare solo Kimi Raikkonen, che in Ungheria è stato uno scudiero perfetto. Dalla partenza alla bandiera a scacchi. Nonostante fosse evidente quanto Vettel stesse faticando e lui invece avesse un passo decisamente superiore per sorpassarlo, è rimasto a difendere la posizione del tedesco e di sé stesso anche contro un Lewis Hamilton che negli ultimi giri ci ha provato, fino a quando la Mercedes glielo ha permesso.

A Budapest a vincere è stata anche la Ferrari, squadra, contro i tedeschi. La Ferrari ha sacrificato Raikkonen per non rischiare la doppietta. La Mercedes ha provato a fare gioco di squadra chiedendo a Bottas di lasciar passare Hamilton. L'inglese però gli ha dovuto ridare la posizione perdendo tre lunghezze in campionato e andando a -14 da Vettel. Punti pesanti se, come pare una volta di più, sarà una lotta punto su punto, fino alla fine.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche